BusinessOnline - Il portale per i decision maker








PES 2016: novità inedite questa settimana

Sono ancora tanti i punti interrogativi intorno a PES 2016, ma alcuni miglioramenti introdotti da Konami sono già evidenti.




PES 2016 sarà realmente il miglior capitolo della serie come stanno lasciando intendere gli sviluppatori di Konami? Difficile confermarlo (o smentirlo) già adesso. Solo a settembre, quando la versione definitiva del simulatore calcistico sarà a scaffale, sarà possibile farsi un'idea completa. Più esattamente, l'appuntamento con i negozi italiani è fissato per il 17 settembre. Pro Evolution Soccer 2016 sarà giocabile su Xbox One, Xbox 360, PlayStation 4, PlayStation 3 e PC. Dal punto di vista grafico, l'impressione è di un miglior lavoro da parte della software house giapponese. I volti dei calciatori sembrano più vivi e meno robotico ovvero sembrano aver compiuto quel salto generazionale fin qui mancato.

Tra gli aspetti più interessanti emersi in queste prime settimane di informazioni, notizie e video trailer, c'è il più ampio ventaglio di animazioni che caratterizza PES 2016. I portieri, in particolari, sono ora dotati di maggiore personalità e di una più vasta gamma di opzione di scelta. Se c'è un aspetto in cui i margini di miglioramento sono più ampi è la caratterizzazione dei calciatori in campo. Sappiamo, ad esempio, come Cristiano Ronaldo sia piuttosto egocentrico nel gioco e nelle esultanze quanto lamentoso per i falli subiti o per un pallone non passato dai compagni. Potrebbe essere interessante riflettere questi dettagli anche nel calcio simulato.

Un primo vero assaggio del nuovo capitolo di Pro Evolution Soccer sarà a disposizione nella prima metà di settembre con il rilascio della versione demo. Lo scorso anno agli utenti di PES era stata concessa la possibilità di giocare partite fino a 10 minuti nel Konami Stadium. Le squadre erano state Real Madrid, Atletico Madrid, Barcellona, Athletic Bilbao, Bayern Monaco, Juventus e Napoli. Cosa scegliere quest'anno Konami per PES 2016?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il