BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: aziende prendono sempre più posto Stato per pensioni, welfare, assistenza

Esempi di welfare in aziende private che anche lo Stato dovrebbe seguire: cosa prevedono e le novità e come migliorerebbero le condizioni di vita dei lavoratori




La situazione previdenziale in Italia è ancora confusa e allarmante, soprattutto per quanto riguarda conti dell’Inps in rosso, valore degli assegni finali, condizioni decisamente pesanti per raggiungere l’accesso alla pensione e le novità non contribuiscono certo a rendere migliore questa situazione. Ma servono interventi di miglioramento, a partire dalla divisione tra spesa prettamente assistenziale e previdenziale anche se il premier Renzi è intenzionato ad attuare questa divisione, dando anche una sforbiciata alle detrazioni per le famiglie, a partire dai tagli alla sanità già approvati.

Ma lo Stato dovrebbe seguire l’esempio delle aziende private per rendere il migliore il welfare per i lavoratori, o l’esempio di altri Paesi, come Germania o le nazioni del Nord, dove il welfare garantisce ottime prestazioni e i cittadini pagano le tasse anche volentieri, sempre considerando che la pressione fiscale in quei Paesi è decisamente meno forte che in Italia.

Tra gli ultimi esempi noti,il caso della Virgin: il suo fondatore Richard Branson ha annunciato una nuova politica di lavoro per i dipendenti della multinazionale britannica che saranno liberi di prendere tutte le vacanze che vogliono, in qualsiasi momento dell’anno, purchè non vengano compromessi i progetti a cui stanno lavorando. Secondo Branson, “Il lavoro flessibile ha rivoluzionato come, dove e quando svolgiamo le nostre mansioni. Perciò, se lavorare dalle 9 alle 5 non esiste più, perché dovremmo avere linee rigide annuali per le vacanze? Starà al dipendente decidere se e quando ritiene di prendersi qualche ora, un giorno, una settimana o un mese libero”.
 
Branson dice è che i suoi dipendenti saranno liberi di gestire il loro tempo come preferiscono e quindi diventeranno più felici, creativi, riconoscenti e motivati. Il tutto senza subire penalizzazioni su stipendio o trattamento pensionistico. E con lo stesso obiettivo di garantire una migliore qualità di lavoro e rendimento, la multinazionale Nestlé offre 14 settimane di congedo per mamme e papà per una nuova forma di welfare a sostegno delle famiglie.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il