BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Renzi ultime notizie: quota 100, assegno universale, mini pensione. Uscita 10 anni prima grazie a nuova possibile legge

Andare in pensione 10 anni prima per particolari categorie di lavoratori: quali possibilità e novità per pensionamenti e come funzionano




I lavoratori disoccupati da almeno 24 mesi cui mancano 5 anni al raggiungimento dell’età pensionabile potrebbero andare in pensione prima. L’emendamento approvato al ddl sulla concorrenza sulla portabilità dei fondi pensione riduce da 48 a 24 mesi il periodo di disoccupazione e da 10 anni a 5 anni il periodo mancante alla maturazione dei requisiti anagrafici per il raggiungimento della pensione e sulla base dei regolamenti dei fondi di pensione complementare prevede la possibilità di andare in pensione ben 10 anni prima. Si tratta di una novità certamente gradita a quanti aspettano modifiche ai requisiti di pensionamento attuale, decisamente troppo rigidi.

E mentre si continua a discutere di quota 100, mini pensione, assegno universale, questa misura, se un lavoratore dipendente, aderente ad un Fondo pensione, è disoccupato da almeno 2 anni e nel 2015 ha 56 anni e 3 mesi di età può ottenere la pensione complementare, perché l’età richiesta per la pensione di vecchiaia è 66 anni e 3 mesi.

Ma è possibile anticipare l'età di uscita dal lavoro, anche riunendo le diverse contribuzioni per raggiungere un'unica prestazione previdenziale, a partire dalla ricongiunzione, che permette di riunire tutti i versamenti effettuati nelle diverse gestioni previdenziali in un'unica gestione. Questo sistema permette di raggiungere più facilmente i 41 anni e mezzo di contributi (42 anni e mezzo per gli uomini) per la pensione anticipata.

Altra strada che si può scegliere è quella della totalizzazione che, a differenza della ricongiunzione, è gratuita e non trasferisce i contributi da una gestione all'altra, ma prevede il calcolo dell’assegno finale esclusivamente con metodo contributivo, quindi ridotto, permettendo di andare in pensione a 40 anni e 3 mesi di contributi (più una finestra mobile di 21 mesi) indipendentemente dall'età anagrafica o con 65 anni e 3 mesi e 20 anni di contributi, con una finestra mobile di 18 mesi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il