BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: interventi allo studio per chi, quando e come a Settembre - Ottobre

Cosa potrebbe cambiare nei prossimi mesi per le pensioni e quali novità potrebbero essere effettivamente approvate? Le ultime notizie e prospettive




La minoranza Pd continua a manifestare dissensi nei confronti delle riforme del governo Renzi e tanto è stato rimandato a dopo le vacanze estive, tra settembre e ottobre. Dalle misure riviste del Def, a quelle da inserire nella prossima Manovra Finanziaria, alla riforma del Senato, alle deleghe attuative della riforma della P.A. Ma l’attesa è soprattutto per le eventuali novità pensioni: prima della pausa estiva il ministro del Lavoro Poletti aveva annunciato nuove leggi da presentare al governo entro settembre ma, stando alle ultime notizie, non sono state definite ed è probabile che arriveranno proprio in vista della Manovra di ottobre, facendo slittare ogni intervento pensionistico anche all’anno prossimo.

Qualche novità potrebbe arrivare dalla spending review che i tecnici stanno mettendo a punto, da presentare a  fine settembre per gli interventi della Manovra d’autunno che deve essere presentata ad ottobre, e in cui dovrebbero rientrare anche i tagli alle agevolazioni fiscali alle famiglie, piano che sembra essere già iniziato con i primi tagli alla sanità; mentre dalle deleghe attuative alla riforma delle P.A. qualche novità potrebbe arrivare sul part time, con una probabile, ma difficile, revisione del testo che prevede al momento il pagamento dei contributi a carico del lavoratore.

E subito dopo l’estate, probabilmente, dovrebbe essere definito il piano di interventi negativi sulle pensioni, con tagli su baby pensioni, pensioni di invalidità, cumulo, reversibilità importanti per accumulare soldi necessari per procedere alla messa in atto di quegli interventi pensionistici, come estensione dell’assegno universale per tutti, quota 100, mini pensione, di cui si parla da mesi ma per cui mancano fondi.

Si attende, inoltre, il testo del comitato ristretto della Commissione Lavoro che dovrà definire nuove tutele per esodati e probabilmente novità sul contributivo donna, che rappresenterebbe il compromesso minimo iniziale del governo nella concessione di modifiche all’attuale legge  pensionistica, che farebbero capire l’effettiva intenzione del governo di agire davvero con misure concrete.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il