BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità settimana, riforma assunzioni scuola, quota 96, indulto, amnistia, riforma concorrenza: novità lunedì oggi

Le novità del governo Renzi ad oggi lunedì 10 agosto tra prospettive pensioni dopo le vacanze estive, nuove misure riforma Concorrenza e piano assunzioni per la scuola.




Al termine di un’altra intensa settimana di lavoro del governo Renzi, ad oggi lunedì 10 agosto si continua a lvoarare su pensioni con alcune ottime indicazioni ( contributivo donna come visto in questo articolo) mentre è caos sul piano assunzioni della scuola e invio delle domande. Tutto ancora fermo per quota 96 della scuola e questione carceraria.

Pensioni: Al termine di un’altra intensa settimana di lavoro del governo Renzi, non è ancora stata definita alcuna novità pensioni che possa soddisfare le richieste di forze politiche e sociali avanzate finora né le aspettative dei cittadini che in queste ultime settimane soprattutto hanno visto susseguirsi annunci e proposte mai diventate realtà. Le ultime notizie sono arrivate dal premier Renzi, che dopo un ennesimo periodo di silenzio sulle pensioni, è tornato a parlarne in modo esplicito in occasione della Festa dell’Unità tenutasi qualche giorno fa a Roma. E durante il suo intervento ha annunciato la nuova intenzione di piani di prepensionamento per garantire maggiore flessibilità in uscita a tutti e aumenti delle pensioni minime, tema che sembrava essere stato dimenticato. Intanto, sono partiti i tagli, con quelli della sanità, che dovrebbero coinvolgere nei prossimi mesi baby pensioni, pensioni di invalidità, cumulo, reversibilità in un’ottica di redistribuzione equa delle risorse e di nuovo equilibrio sociale per tutti. Intanto, misure che sembravano ormai approvate sono ancora e nuovamente bloccate: dalla proroga del contributivo donna, al part time nella riforma della P.A. e per cui si auspicano novità nella delega attuativa del governo, ai prepensionamenti per i dipendenti in esubero delle Province. Burutte notizie arrivano anche dal Def dove, nonostante la revisione del ministro Padoan, non vi sono ancora riferimenti alle pensioni. Ma si continua a lavorare perché la questione previdenziale è centrale e il motivo della situazione in stallo da sempre è la mancanza di risorse economiche, insieme al blocco dell’Ue, ma convinta l’Ue dei vantaggi che le modifiche pensionistiche porterebbero sia in termini di risparmi che di spinta al mercato del lavoro, e recuperati i fondi necessari, tutto potrebbe risolversi. E si potrebbe ricominciare a parlare seriamente di piani di quota 100, mini pensione, uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, così come dell’estensione del sistema contributivo per tutti e del contributivo donna anche agli uomini.

Riforma Scuola assunzioni: E’ possibile presentare online, direttamente sul sito del Miur, la domanda di iscrizione per le assunzioni dei precari della scuola fino alle 14 del 14 agosto su Istanze online attraverso il link www.istruzione.it. La procedura riguarda i 55.258 nuovi posti del potenziamento, di cui 6.446 destinati al rafforzamento del sostegno, cui si aggiungeranno i posti non assegnati eventualmente vacanti a seguito delle assunzioni sul turn over (36.627) e sui restanti posti disponibili (10.849). Complessivamente saranno 102.734 le assunzioni nella scuola. Per aiutare i docenti nella procedura, è stato anche attivato uno spazio dedicato sul sito con informazioni e documenti su tutte le fasi delle assunzioni. I docenti che invieranno la domanda di assunzione dovranno specificare in ordine di preferenza tutte le province d’Italia e le nomine avverranno in modo centralizzato, con procedura informatizzata. Ma sembra che gli stessi docenti stiano boicottando la procedura avviata dal governo: a causare malcontento il meccanismo secondo cui un professore dovrebbe accettare la cattedra assegnata anche se lontano da casa o rinunciare alla stabilizzazione, e quindi continuare con le supplenze. I sindacati hanno, inoltre, deciso di impugnare davanti al Tar il piano straordinario di assunzioni per conto degli esclusi. Il Miur ha, inoltre, precisato che non parteciperà al piano straordinario di assunzioni per la buona scuola continuerà a rimanere iscritto nelle GaE fino al loro esaurimento, e non sino alla loro soppressione.

Quota 96: Tutto rimandato per la questione dei quota 96 della scuola. A settembre i 4mila interessati, tra docenti e personale Ata, dal primo settembre torneranno, dunque, ancora a lavoro nell’attesa di capire quando e come il governo provvederà alla chiusura di questa partita.

Indulto e amnistia: L’emergenza carceraria non accenna a placarsi, il numero dei detenuti, le continue aggressioni agli agenti della polizia penitenziaria e i continui tentativi di suicidio dimostrano come si tratti di un problema ben lontano dall’essere risolto e per cui l’approvazione delle misure di indulto e amnistia sarebbero importanti, nonostante il ministro della Giustizia Orlando continui a dichiarare che non ve ne sia bisogno. nuove misure su formazione e lavoro anche dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nei giorni scorsi ha scritto una lettera al leader dei radicali Marco Pannella che ha rilanciato la battaglia per l’approvazione delle leggi di clemenza.

Riforma Concorrenza: Salta nel Ddl Concorrenza la portabilità dei fondi pensione ed è stata invece  è stata approvata una norma interamente sostitutiva che rinvia l'esigenza di ‘aumentare l'efficienza delle forme pensionistiche complementari collettive’ ad un tavolo di consultazione tra ministeri e parti sociali. Il ministro del Lavoro Poletti, infatti, d'accordo con il ministro dell'Economia, entro 30 giorni, ‘convoca un tavolo di consultazione cui partecipano le organizzazioni sindacali e le rappresentanze datoriali maggiormente rappresentative in ambito nazionale, nonché esperti della materia previdenziale, finalizzato ad avviare un processo di riforma delle medesime forme pensionistiche’. Marco Causi del Pd ha spiegato che “ l'obiettivo è quello di riorganizzare i fondi pensione in linea con quanto indicato da Covip, cioè andando ad aumentare la dimensione media dei fondi stessi anche attraverso aggregazioni per migliorare la gestione ma anche il profilo di rischio a tutela delle pensioni future”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il