BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: piano del Mef confermato per chi, come e quando

Aperture del Ministero dell'Economia alla revisione del sistema delle pensioni in Italia. Appuntamento alla prossima manovra finanziaria.




I veri cambiamenti nel sistema delle pensioni in Italia si avranno con la manovra finanziaria di fine anno. La conferma arriva dalle novità e ultime notizie che trapelano dal Ministero dell'Economia che sta esaminando l'impatto sulle casse dello Stato delle varie proposte fin qui avanzate. Tra le soluzioni che sembrano trovare maggiore spazio ci sono quelle più dibattute in sede di commissione Lavoro alla Camera dei deputati.

Da una parte c'è l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per congedarsi definitivamente dal mondo del lavoro. Dall'altra c'è l'estensione oltre il 31 dicembre 2015 del contributivo donna ovvero della possibilità di ritirarsi con qualche anno di anticipo in cambio del calcolo dell'assegno previdenziale sulla base dei soli contributi versati.

Sul tavolo del Tesoro c'è anche in bell'evidenza anche il piano Boeri, elaborato appunto dal presidente dell'Inps, che ruota attorno a un punto centrale la flessibilità ovvero l'ammorbidimento dei requisiti da maturare per accedere al trattamento previdenziale in cambio di moderate penalizzazioni nell'importo da percepire. La vera novità è rappresentata dalla concrete aperture del Ministero dell'Economia. Dopo mesi e mesi di sostanziale chiusura alle ipotesi di cambiamento delle pensioni, si notano toni più concilianti e la chiave di svolta sembra essere rappresentato dallo stesso piano Boeri.

Più nel dettaglio i cinque cardini della sua proposta, appoggiati dallo stesso premier Matteo Renzi, sono l'assegno universale, l'unificazione dei trattamenti, l'armonizzazione dei regimi, le uscite flessibili, più contributi aggiuntivi. A questo punto si resta in attesa del piano del ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, che dovrebbe prevedere innanzitutto l'introduzione del prestito previdenziale in favore degli over 55 senza lavoro e senza pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il