BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie positive. In settimana incontri e appuntamenti privesti

Come confermato da novità e ultime notizie, governo e Inps stanno cercando di trovare la quadra per modificare il sistema delle pensioni in Italia.




Nonostante la sospensione dei lavori parlamentari per via della tradizionale pausa estiva, il dibattito sulle pensioni continua a essere vivo, soprattutto alla luce della novità della comunità d'intenti manifestata in sede di commissione Lavoro alla Camera dei deputati sul contributivo donna. E così nei prossimi giorni, ciascuno per la sua parte, il premier Matteo Renzi, il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, il presidente dell'Inps, Tito Boeri, cercheranno di trovare la quadra. Da una parte sembrano tutti convinti (Tesoro compreso) della necessità di cambiare le pensioni. Dall'altra occorre fare i conti con le coperture economico.

Ecco allora che un ruolo centrale è quello ricoperto da Yoram Gutgeld, commissario alla spending review, alla caccia di settori di spesa pubblica, comparto previdenziale incluso, dove è possibile risparmiare. Un percorso di crescita che si consolidi oltre a dare ossigeno ai conti, contribuirebbe a costruire un clima di maggiore fiducia, fondamentale per affrontare gli appuntamenti dell'autunno. Intanto, va sottolineato che sono 4 anni che il Pil non registrava una crescita così come quella riscontrata nei primi 3 mesi dell'anno: nel gennaio-marzo del 2011, infatti, l'aumento era stato dello 0,4%, mentre nel secondo trimestre si era assestato allo 0,2%.

A ogni modo, il prossimo incontro ufficiale in agenda è stato fissato al 9 settembre, quando la commissione Lavoro alla Camera dei deputati, presieduta da Cesare Damiano (Partito Democratico), tornerà a riunirsi per dare il suo via libera definitivo al contributivo donna, anche in vista della definizione della manovra finanziaria di fine anno. In questo contesto, dialogo aperto con Bruxelles per spuntare maggiori margini di intervento in termini di flessibilità nei conti pubblici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il