BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi riforma: quota 100, part-time, assegno universale in riforma PA con deleghe attuative

Fari puntati sui decreti attuativi per le deleghe nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione. Quali novità e ultime notizie sul fronte delle pensioni?




I cambiamenti nel sistema delle pensioni passano attraverso un più ampio piano di riforma del governo che include anche la pubblica amministrazione. Incassato il via libera al disegno complessivo, è tempo di pensare ai decreti attuativi per le deleghe che potrebbero prevedere novità anche sul piano delle pensioni. In ballo, tra l'altro, c'è lo sblocco dei contratti per gli statali in seguito alla sentenza dell'Alta Corte. Resta da capire se potranno trovare spazio misure indirizzate al ricambio generazionale tra giovani e anziani così come ipotizzato da tempo. In questo contesto potrebbe essere rispolverata l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da maturare per potersi ritirare dal lavoro.

Il capitolo sulla dirigenza è il cuore del provvedimento di riforma della pubblica amministrazione del governo Renzi e portata avanti da Marianna Madia, ministro per la Funzione Pubblica. I dirigenti pubblici confluiranno tutti in un ruolo unico e, dunque, potranno passare da un'amministrazione a un'altra. Saranno obbligati a ruotare negli incarichi. Ma la vera novità è che non saranno più inamovibili. Chi resta senza incarico dopo un congruo numero di anni, che saranno appunto definiti nel decreto attuativo, potrà essere licenziato. A condizione, però, che abbia ricevuto almeno una valutazione negativa.

Altra novità è quella che riguarda le assenze per malattia dei dipendenti statali. Saranno perseguite quelle cosiddette seriali che potranno condurre ad azioni disciplinari. Anche perché, secondo le statistiche, il 30% dei certificati nella pubblica amministrazione viene presentato il lunedì. Per rafforzare i controlli sui finti malati, le competenze che adesso sono delle Asl, passeranno all'Inps, l'Istituto nazionale di previdenza, insieme alle relative risorse per effettuare i controlli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il