BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: per pensioni anticipate confermata legge in nuova manovra finanziaria

Riforma pensioni, ultime notizie Governo Renzi: l’annuncio ufficiale sulle pensioni anticipate e possibile nuova legge in manovra finanziaria.




Il sistema previdenziale in Italia potrebbe essere oggetto di numerosi cambiamenti: da mesi ormai si parla di pensione anticipata e flessibile e di miglioramenti al sistema contributivo con il possibile appianamento delle disparità nel trattamento previdenziale richiesto dall’Onorevole Maria Luisa Gnecchi.

Oggetto delle discussioni anche il contributivo donna, l’assegno universale e la mini pensione: tutte possibilità che vengono auspicate dalle forze politiche interessate come soluzioni per rendere la pensione ‘anticipata e flessibile’, come più volte richiesto anche da Padoan, ministro dell’Economia. Proprio a questo proposito, si è più volte parlato di Quota 100: una soluzione per il pensionamento anticipato e flessibile che dovrebbe essere effettuata con la somma dell’età contributiva ed anagrafica, ma che non sembra possibile per via del peso che graverebbe sulle casse statali.

Si continua quindi a discutere sul tema delle pensioni, mentre Tito Boeri introduce il tema dell’assegno universale, per offrire alle persone over 55 anni la possibilità di percepire un reddito nel caso in cui si sia senza lavoro e non si abbiano ancora maturato i requisiti per la pensione.

Molte delle proposte fatte (assegno universale, mini pensione) devono tenere conto sì delle necessità dei lavoratori, ma anche delle esigenze statali di rientrare nel bilancio: portando avanti le soluzioni proposte, il rapporto tra deficit e Pil per il 2016, stimato all'1,8%, salirebbe al 2,2%, ed il governo dovrebbe chiedere il via libera di Bruxelles a uno sconto dello 0,4%, già ottenuto per il 2015.

Attualmente, quindi, rimane tutto in stand by: si inizierà a parlare di pensioni e di riforme a partire dal 9 settembre, quando dovrà essere approvato il contributivo donna. Solo allora, e solo dopo, si potrà dare il via libera alle altre soluzioni proposte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il