BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anticipate requisiti età, come funzionano contributi. Legge in manovra finanziaria. Per chi, come e quando.

Le pensioni anticipate: cosa sono, per chi valgono e come. Le ipotesi sulla manovra finanziaria si rincorrono e tutti sperano si rivelerà decisiva per i lavoratori e per coloro che del mondo del lavoro vorrebbero fare parte.




C'è grande attesa per la riforma delle pensioni che pare occuperà un intero capitolo della manovra finanziaria. Un'attenzione particolare è riservata alle pensioni anticipate a cui guardano con ansia sia i lavoratori, che sperano in un trattamento il meno possibile penalizzante, sia i disoccupati e i giovani. Una maggiore flessibilità in uscita, infatti, potrebbe fungere da volano per un ricambio generazionale sia negli uffici pubblici che privati e dare uno scossone al mercato del lavoro e all'economia.

La soluzione di cui tanto si discute è quella cara al presidente dell'Inps Tito Boeri che prevede la possibilità di un pensionamento anticipato con un assegno ridotto, in quanto frutto del solo calcolo contributivo e non più retributivo.

Una pensione calcolata su base retributiva è quasi sempre più alta e meglio apprezzata dal lavoratore. In questo caso, infatti, si fa una media degli stipendi percepiti negli ultimi 10 anni. Con il metodo contributivo, invece, la pensione è calcolata sulla base dei contributi versati lungo tutto l'arco della carriera lavorativa. Risultato: secondo il sindacato Uil che ha eseguito delle simulazioni in  merito, con un simile trattamento la pensione subirà dei tagli dal 12,67% a oltre il 33%.

Non c’è ancora nulla di definitivo: sui requisiti quali età e anni di contribuzione si possono solo formulare delle ipotesi, ma ne potremo sapere di più i primi di settembre quando la Commissione Lavoro della Camera si esprimerà sul sistema contributivo per le donne.

Per gli uomini e casi particolari quali lavori usuranti o lavoratori precoci, dovremo attendere, ma tra le ipotesi al vaglio c’è quella di prevedere un sistema di bonus per coloro che decidono di posticipare il pensionamento e di malus per coloro che lo anticipano. In ogni caso tutte le proposte dovranno essere vagliate con un occhio di riguardo per le casse dello Stato, già impoverite dai rimborsi di agosto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il