BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: ricalcolo assegno, quanto è il taglio con i nuovi piani Parlamento e Boeri

Ultime notizie sulle pensioni, riforma Governo Renzi, viene ricalcolato l’assegno. Ecco di quanto sarebbe il taglio con i nuovi Piani Parlamento.




Pensioni ultime notizie: ritornano in auge le proposte di riforma in ambito previdenziale di Tito Boeri, presidente dell’Inps, il quale ha parlato recentemente di un 3%-5% con un ricalcolo assegno calcolato per una data percentuale (più è elevato più la percentuale sarà alta) basato sul contributivo.

Infatti, Tito Boeri ha più volte sottolineato che l’obiettivo del “ricalcolo con il contributivo” è quello di evitare che “chi percepisce (o ha percepito) più a lungo la pensione, sia favorito rispetto a chi la percepisce (o l’ha percepita) per un numero minore di anni”.

Ma i sindacati non ci stanno: secondo quanto dichiarato da alcuni di essi, il fatto di applicare questo sistema a chi vuole lasciare prima il lavoro potrebbe comportare un taglio dell’assegno fino al 34%. Si tratta di cifre altissime e oltretutto non giustificate dalla realtà, tanto che diversi sindacati e lo stesso Poletti hanno ammesso che si tratta di cifre troppo elevate: si parlerebbe di circa 10.384 euro in meno ogni anno per un lavoratore di 62 anni con 35 di contributi.

Intanto, una commissione ristretta in Parlamento porta avanti la cosiddetta quota 100 che è rappresentata dalla somma dell’età anagrafica con quella contributiva: con questo progetto, si potrebbe applicare la quota 100 all’età anagrafica  minima per l’età pensionabile.

In ogni caso, l’obiettivo principale è quello di rispondere alle esigenze su come raggiungere una maggiore flessibilità per chi vuole lasciare il lavoro prima dell’età pensionabile: un tema ancora spinoso, sul quale si sta ancora lavorando.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il