BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Samsung Galaxy S6, S5, S4, Android 5.1.1, Nexus 4, 5 e Nexus 2015 nuovo cellulare di Google: novità questa settimana

Lollipop 5.1.1 mette in sicurezza i terminali Android, a partire dai Nexus 5, presto, si spera, anche sui vostri Samsung Galaxy. In attesa di Android M, previsto per l'autunno 2015.




È di questi giorni la notizia del rilascio di una nuova versione del sistema operativo Android da parte di Google. Si tratta dell'ultimo aggiornamento di Lollipop, inizialmente non previsto ma divenuto abbastanza urgente a seguito della scoperta di una pericolosa falla di sicurezza nel famoso sistema operativo.

Questo inatteso update, che sta graziando allo stato attuale solo i terminali Nexus 5, non sembra comportare particolari migliorie a parte la correzione della vulnerabilità Stagefright, recentemente scoperta dagli esperti della sicurezza mobile della Zimperium. I test effettuati dai primi adopter oltre oceano riportano che i cellulari aggiornati non segnalano particolari miglioramenti in termini di fluidità, efficienza o consumi; d'altra parte non sembrano verificarsi nemmeno i temuti crash, battery drain o problematiche varie, quindi si tratterebbe sostanzialmente di un aggiornamento indolore. Sicuramente questo update sarà l'ultimo prima del nuovo Android M, il sistema operativo che rimpiazzerà Lollipop a partire dal terzo quarto di quest'anno; pertanto è piuttosto prevedibile che la mole di novità e perfezionamenti sia stata indirizzata sul nuovo sistema, piuttosto che all'interno di una pseudo-patch.

Il roll-out di Lollipop 5.1.1. come sempre procede per zone geografiche e potrebbe non arrivare rapidamente nel nostro paese, specialmente sui cellulari non Google. In particolare i possessori dei diffusissimi Samsung, i modelli più recenti dal Note 4 al Galaxy S6, dovranno attendere un po', considerando la discreta lentezza con cui la casa coreana ha reagito al primo Lollipop. Allo stato attuale il web è ancora teatro di aspre critiche all'indirizzo della Samsung sia per il ritardo dell'adeguamento software che per l'inefficienza dello stesso in termini prestazionali rispetto al corrispettivo originale della Google.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il