BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 10 gratis aggiornamento: come tornare indietro, come disinstallare e cancellare dopo problemi

Windows 10 è disponibile da quasi un mese ma non tutti sembrano soddisfatti, se siete tra questi, potreste valutare di tornare al vecchio sistema operativo; scoprite come con noi.




Il download gratuito di Windows 10 per tutti gli utenti Microsoft è disponibile già da quasi un mese. Molti ne hanno già approfittato, ma non tutti ne sono rimasti soddisfatti: nel corso di queste prime settimane sono state segnalate diversi problematiche e bug. Si tratta di intoppi comprensibili in caso di aggiornamenti di queste dimensioni e Microsoft è già intervenuta con patch correttive. Pare prevedibile che il flusso di lamentele non accenni a chiudersi per alcuni mesi ancora, fino a che Windows 10 potrà essere definito un sistema stabile.

Nel frattempo gli esperti si affannano a chiarire le peculiarità del nuovo SO e far luce su alcune delle perplessità avanzate dal pubblico. In tal senso una delle accuse mosse dall'utenza riguarda la presunta eccessiva disponibilità di Windows 10 a condividere il vostro segnale Wi-Fi.

I tecnici hanno spiegato che si tratta di una feature volta a facilitare l'aggancio dei terminali dei familiari al segnale domestico, ma che può essere gestita e limitata facilmente, attraverso le apposite opzioni del menu Wi-Fi, secondo le vostre esigenze. Meno elastica la posizione della Microsoft per quel che riguarda gli update di sicurezza automatici, che non possono essere rifiutati, come richiesto dall'utenza. Tutto ciò proprio in nome delle motivazioni di urgenza che li originano.

Se questi chiarimenti o altre problematiche vi lasciano comunque insoddisfatti del nuovo Windows 10, gli esperti segnalano che avete comunque 30 giorni di tempo, dalla data del vostro aggiornamento, per tornare alla precedente versione del sistema operativo. Sarà sufficiente recarsi sul menu Start, alla voce Aggiornamenti e Sicurezza, quindi scegliere dal menu Ripristino l'opzione Ritorno a Windows 7 oppure 8. Inutile negare che questa procedura di ripristino è altrettanto delicata di quella di upgrade, pertanto siate pronti a seguire con attenzione le istruzioni e, soprattutto, all'eventualità che non tutto vada come previsto. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il