BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: piano Boeri in legge di stabilità pur con tante critiche è il più concreto

Pensioni: il piano Boeri sembra il più concreto ma solleva forti critiche anche tra gli esperti. Damiano non intende accettarlo così com’è.




Torniamo a parlare di pensioni focalizzando la nostra attenzione su una proposta in particolare: quella formulata dal Presidente dell'Inps Tito Boeri che si può riassumere in due punti: contributivo e assegno universale.

Il primo entrerebbe in vigore nel caso in cui un lavoratore decidesse di lasciare il proprio impiego in anticipo rispetto ai termini di legge: in cambio dovrebbe rinunciare a una percentuale dell'assegno finale.
Il secondo, invece, è una forma di sostegno per coloro che risultano tra le fasce più in difficoltà della popolazione: over 55 senza un lavoro e senza pensione.

Al momento questo piano sembra il più concreto tra quelli al vaglio del Governo Renzi anche se necessita senz'altro di qualche miglioramento e ha già sollevato delle perplessità.

Antonietta Mundo (Attuario ed ex Coordinatore Generale Statistico Attuariale dell'Inps) e Alessandra Del Boca (Professoressa di Economia e Consigliere di Sorveglianza Ubi) in particolare hanno sollevato forti critiche alla proposta. A loro dire le misure di Boeri cercano di ristabilire l'equità togliendo alle pensioni più ricche, quindi introducono in pratica una tassa per i pensionati. Inoltre il ricalcolo contributivo causerebbe pensioni più basse del 20/30% e redditi più bassi vogliono dire entrate inferiori nelle casse dello Stato.

Non si salva nemmeno l'assegno universale, in quanto dovrebbe essere finanziato da un fondo delle imprese che al momento sembrano prediligere i licenziamenti.

Dello stesso avviso sembra essere il Presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano per il quale i tagli all'assegno pensionistico sarebbero "inconcepibili". Un congedo in anticipo aiuterebbe a risolvere la questione degli aiuti agli esodati e dell'occupazione giovanile. Damiano fa una proposta: anche i datori di lavoro devono contribuire in caso di pensionamento prima dei termini di legge.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il