BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: permangono i privilegi in particolar modo ai politici

L'inchiesta di Diodato Pirone de "Il Messaggero" su stipendi e pensioni dei dipendenti della Camera. Il trattamento pensionistico non è uguale per tutti.




Il problema delle pensioni in Italia continua a rivestire un ruolo fondamentale sia nei dibattiti che si sono susseguiti da vari mesi a questa parte, sia dell'agenda politica. È noto infatti che con la nuova manovra finanziaria per il 2016 si cercherà di porre rimedio ai danni provocati dall'attuale legge sul trattamento previdenziale.

Chi pensava, però, che gli italiani fossero tutti sulla stessa barca rimarrà deluso: Diodato Pirone, giornalista de "Il Messaggero", ha condotto un'inchiesta sul trattamento riservato ai dipendenti della Camera e il risultato non piacerà a quegli italiani che hanno visto sfumare la possibilità di andare in pensione.

I dipendenti di Montecitorio sono 1.281 e quest'anno per affrontare la spesa di stipendi e contributi sono stati stanziati 232 milioni: ciò vuol dire che il costo per ognuno di loro è pari a 181.000 euro. Certo, si tratta per la maggior parte di persone laureate e qualificate che svolgono questo lavoro da almeno dieci anni, ma è pur vero che rispetto al 2014 la spesa previdenziale alla Camera è salita del 10%.

E non finisce qua: i costi più esosi si registrano per gli ex dipendenti ormai in pensione. La spesa media è di circa 256 milioni di euro all'anno che, uniti alle cifre delle pensioni dei parlamentari, rappresentano circa il 40% dell'intero bilancio.

Fin qui nulla di strano: l'Italia è abituata a paradossi di questo genere e a cifre da capogiro quando si parla di spesa pubblica nell'ambito della politica, ma il meglio viene adesso.
Diodato Pirone ha tenuto a sottolineare che i dipendenti della Camera sono l'unica categoria per la quale il rapporto tra contributi e prestazioni è di 1 a 5: dati i 256 milioni per i pensionati, i colleghi ancora attivi verseranno, nel 2015, 50 milioni di contributi pensionistici dei quali 36,8 saranno a carico dell'amministrazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il