BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie riforma: quota 100, contributivo, assegno universale. In peggioramento dati economici e PIL

I dati sul Pil e sull'andamento dell'economia in Italia mettono a rischio l'intera riuscita della manovra finanziaria.




Brutte notizie per il Governo Renzi: i dati economici e sul Pil in peggioramento rischiano di mandare in frantumi i piani del Premier e dei suoi collaboratori.
Considerata la stima ufficiale del Governo (+0,7%), Palazzo Chigi sperava di chiudere il 2015 con un +1% per poi stupire tutti l'anno prossimo con una crescita dell'1,4%.

Ma l'agenzia di rating Moody's ha mandato all'aria questo sogno: la crescita stimata per l'Italia per il prossimo anno pare non supererà l'1%. La spiegazione sarebbe da ricercare in primis nella battuta d'arresto del colosso cinese che sicuramente farà registrare all'Italia un calo delle esportazioni che ad oggi fungevano da volano per tutte le altre attività economiche del Bel Paese, ma non solo.

I dati riguardanti occupazione,  investimenti e produttività in generale non sembrano registrare margini di miglioramento e secondo l'agenzia di rating è l'intera riforma del lavoro che stenta a partire o quantomeno non ha ancora apportato benefici bastevoli.

Dai collaboratori di Renzi arrivano inviti alla cautela e a prendere con le pinze questi risultati: mancano ancora tre mesi (per non dire quattro visto che ancora deve iniziare settembre) e l'Italia ha tutto il tempo di smentire questi dati e dimostrare che i soldi ci sono.

Sì, perché la diretta conseguenza di questa situazione potrebbe essere la crisi dell'intero impianto su cui si basa la manovra finanziaria del 2016. Sarebbero necessari ben 80 miliardi di euro per attuare le riforme del fisco e delle tasse (anche se la previsione è quella di spalmarle in tre anni) e solo 20 miliardi è la cifra che servirebbe a scongiurare la clausola di salvaguardia della manovra precedente.

Se dovesse avverarsi la previsione di Moody's il reperimento delle risorse per mettere in atto la legge sarebbe quantomeno difficoltoso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il