BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 10: soluzioni problemi, Wifi miglioramenti e aggiornamenti automatici

Windows 10 rappresenta un grande passo avanti ma ha certamente qualche punto oscuro, come gli update forzosi e la loro mole, nonchè il flusso di dati verso i server Microsoft.




Già da diverso tempo è disponibile per il download gratuito l’ultimo sistema operativo Microsoft. Windows 10 sta vivendo, come ogni OS, una prima fase ricca di contrattempi e problemi
Nel corso di queste settimane si sono succedute le segnalazioni dell’utenza riguardo bug ed intoppi vari, a cui la casa di Richmond ha cercato di rimediare con patch e suggerimenti. Gli early adopter hanno affrontato coraggiosi questo primo passo verso la stabilizzazione del sistema, fornendo preziose esperienze.

Le analisi e gli studi portati avanti da esperti hanno permesso di comprendere ulteriormente Windows 10 e le sue sfaccettature, non sempre positive. Alcuni hanno evidenziato che il sistema operativo comunica troppo frequentemente con i server Microsoft. Ciò non è di per sé un rischio per la privacy, ma potenzialmente potrebbe. Abbiamo da tempo appurato che il cloud non è l’oasi felice e sicura che i giganti della tecnologia millantano.

Dal canto loro gli operatori del settore videoludico sono entusiasti delle prestazioni delle librerie Direct X12. Sembra che siano destinate ad incrementare del 20% almeno le performance dei giochi sotto Windows 10.

L’analisi più recente ha sottolineato che il sistema operativo Microsoft genera un flusso di dati molto sostanzioso. È colpa della politica di aggiornamenti automatici forzosi per la versione domestica. Infatti, una misura volta a garantire la sicurezza del prodotto, si tramuta in pesanti update periodici che potrebbero dissanguare il piano tariffario, se operati senza copertura Wi-Fi. A maggior rischio quindi sono i terminali mobile quali i tablet e portatili, per i quali è opportuno intervenire nelle opzioni di Windows Update, bloccando gli aggiornamenti automatici quando non disponete della vostra connessione Wi-Fi domestica. Una semplice accortezza vi impedirà di pagare bollette impreviste.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il