BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie riforma Governo Renzi: resoconto, annunci e atti concreti finora ad Agosto

Facciamo il punto della situazione per quanto riguarda le modifiche da apportare alla legge attuale sulle pensioni.




Il mese di agosto sta ormai volgendo al termine: è quindi tempo di tirare le somme delle notizie discusse in queste settimane.

Il Ministro dell'Economia Padoan non ha mancato di far sentire al Premier Renzi il suo sostegno per quanto riguarda gli interventi da attuare in 5 anni e che dovrebbero costare 50miliardi di euro, ma si è detto anche convinto che sarà necessario chiedere più flessibilità all'Europa.
Resta ancora da capire quale sarà l'atteggiamento del Ministro nei confronti della revisione della legge attuale sul trattamento previdenziale visto che si è detto sempre contrario a interventi in tal senso.

Sarebbe nelle intenzioni di Renzi operare dei tagli, tra l'altro, alle tasse e alle pensioni di invalidità e reversibilità per reperire i fondi necessari ad attuare la riforma delle pensioni, mentre il governo continua a lavorare sulla spending review e alla manovra finanziaria.

Il Presidente dell'Inps Tito Boeri ha mostrato apertura riguardo la proroga del contributivo donna, mentre il Ministro del Lavoro Poletti non vede di buon occhio il ricalcolo contributivo contemplato nel Piano Renzi-Boeri.

Per quanto riguarda il contributivo donna ogni decisione è rimandata al 9 settembre quando verrà votato alla Commissione Lavoro della Camera. Dovesse passare consentirebbe alle aventi diritto di andare in pensione a 57 (dipendenti) o 58 anni (autonome) e 35 anni di contributi in cambio di un ricalcolo contributivo dell'assegno. Boeri si augura misure di questo genere anche per gli uomini in base ai fondi disponibili.

La quota 100, intesa come somma di età anagrafica e anni di contribuzione, è fortemente osteggiata sia dal Ministro Padoan che dal Presidente Inps perché troppo costosa.

L'ipotesi dell'assegno universale, invece, trova d'accordo Boeri e il Ministro Poletti a patto sia riconosciuto per over 55 senza lavoro e senza pensione o come premio per chi frequenta corsi.

Nel frattempo l'Europa si dice preoccupata dal detassamento sulla prima casa. Per il Vicepresidente della Commissione non è una priorità per l'Italia che farebbe meglio a rispettare il Programma di Stabilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il