Buoni pasto cartacei ed elettronici 2015, regole nuove. Con elettronici si può fare la spesa ancora al supermercato

Anche i nuovi buoni pasto elettronici potranno essere utilizzati per fare la spesa e saranno cumulabili: chiarimenti da Altroconsumo

Buoni pasto cartacei ed elettronici 2015


Sono in vigore dal primo luglio scorso le nuove norme sui buoni pasto e il loro uso, sia per quanto riguarda quelli cartacei che quelli elettronici. Secondo quanto inizialmente previsto dalla nuova legge, era vietato fare la spesa al supermercato con i buoni pasto elettronici, forniti dal datore di lavoro, che hanno un valore massimo di 7 euro al giorno, invece che di 5,29 euro dei tradizionali buoni pasto cartacei.

Si diceva che i nuovi buoni elettronici non avrebbero potuto più essere spesi nelle giornate non lavorative e per fare la spesa, ma così non è. Esattamente come i buoni pasto cartacei, anche gli elettronici potrebbero essere spesi per fare la spesa. Mentre, dunque, nulla cambia per i tradizionali buoni pasto cartacei, che potranno comunque continuare ad essere richiesti secondo le vecchie modalità, chiarimenti sull'uso dei nuovi elettronici sono stati forniti da Altroconsumo.

Secondo l'Associazione, non è vero che con i nuovi buoni elettronici non si può fare la spesa, o usarli in bar e pizzerie, è vero invece che dovendo usarli come fossero carte di credito, ogni esercizio dovrà dotarsi di un apposito pos, cosa che certamente o non avverrà o avverrà in un lunghissimo periodo.

Altroconsumo spiega, infatti, che i nuovi buoni pasto elettronici si potranno cumulare e utilizzare per fare la spesa ma i dubbi sul loro utilizzo sono nati con l’introduzione del regime fiscale per i buoni pasto nell’ultima Legge Stabilità, che prevede, dallo scorso luglio, che il valore esentasse dei buoni elettronici passi da 5,29 a 7 euro (per quelli cartacei resta a 5,29). Inoltre, sempre secondo Altroconsumo, anche i nuovi buoni elettronici hanno gli stessi limiti di quelli cartacei, per cui nulla di quanto precedentemente circolato risulta effettivamente vero.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il