BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Windows 10 problemi Torrent e siti pirati bloccati e consumo di molta banda ADSL. Limitato streaming partite calcio, film

Continua il periodo di assestamento dopo il passaggio a Windows 10.




Che ci sia bisogno di un periodo di assestamento lo si sapeva già da prima, e ora in effetti gli utenti Microsoft se ne stanno accorgendo sulla propria pelle. Dopo aver messo a disposizione Windows 10 con download gratuito, Microsoft infatti continua con gli aggiornamenti per correggere e mettere a posto i primi bug emersi.

Sono ovviamente problematiche naturali per aggiornamenti così corposi e la casa di Redmond sta risolvendo man mano i problemi. C’è però qualche situazione un po’ più antipatica che gli utenti stanno lamentando; Windows 10 infatti sembra essere troppo incline alla comunicazione di dati in background via web, ma il problema non è solo di privacy.

Infatti il nuovo OS della Microsoft ha un pesante impatto sulla mole di dati veicolata nel piano tariffario soprattutto a causa degli aggiornamenti più o meno automatici, con conseguenti numeri troppo elevati per la media delle connessioni non domestiche e con traffico limitato. Il nostro consiglio a tutti i lettori che intendono passare a Windows 10 allora, è quello di procedere all'upgrade dedicandosi interamente ad esso per qualche ora e sfruttare una connessione Wi-Fi senza costi aggiuntivi.

Un altro problema emerso nelle ultime ore invece, riguarda il fatto che alcuni tracker torrent hanno inibito la condivisione dei propri contenuti sui sistemi che supportano Windows 10. Il tutto sembra dipendere sia dall’aggiornamento del Microsoft Services Agreement che dalle implicazioni generali sulla privacy dopo l’ultimo aggiornamento. Microsoft infatti, secondo l’accordo che gli utenti devono sottoscrivere, può disabilitare software e hardware contraffatti a propria discrezione nel nome della massima sicurezza, cosa che non è piaciuta ai tracker, timorosi di essere individuati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il