BusinessOnline - Il portale per i decision maker








FIFA 16 e PES 2016: miglioramenti, punti di forza, difetti grafica, gicocabilità, licenze- Confronto e ulteriori demo in arrivo

In attesa di FIFA, la demo di PES 2016 mostra già i primi assi nella manica.




È di nuovo sfida aperta, per l’ennesima volta, tra EA Sports e Konami. Ricomincia infatti la sfida tra FIFA 16 e PES 2016, i due simulatori di calcio più diffusi e apprezzati al mondo.

Il 10 settembre è il giorno della prima demo giocabile distribuita da EA Sports, che nel frattempo è già stata bruciata sul tempo da Konami. L’azienda giapponese infatti, forte del buon risultato ottenuto con PES 2015, vuole continuare a tenere ben schiacciato il piede sull’acceleratore e ha già fatto sapere che alla prima demo già disponibile di PES 2016 ne farà seguire diverse altre per ricevere costantemente feedback dagli utenti prima del lancio ufficiale.

La sfida dunque continua tenendo conto anche dei giudizi dei giocatori, divenuti negli anni sempre più esigenti; e non potrebbe essere altrimenti, visto che le due aziende hanno ormai creato due giochi quasi perfetti e sempre più difficili da migliorare. Per quanto riguarda la demo disponibile di Konami intanto, c’è da dire che è disponibile su PS3, PS4, Xbox 360 e Xbox One e comprende sette squadre (Juventus, Roma, Bayern Monaco, Corinthians, Palmeiras, Francia, Brasile) e due soli stadi (Juventus Stadium e Arena Corinthians).

FIFA 16 invece nella demo offrirà 12 squadre con la novità assoluta di due nazionali femminili, quelle di Germania e Stati Uniti. Sotto questo punto di vista dunque un punto a favore di FIFA e di EA Sports, la prima ad aprirsi al successo planetario del soccer femminile.

Ma PES ha ormai dalla sua una fluidità di gioco che non ha più niente da invidiare al diretto concorrente, anzi, sul campo dell’intelligenza artificiale dei calciatori si può dire che Konami ha ormai raggiunto livelli altissimi, e gli utenti forse, preferiscono ancora la giocabilità.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il