BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi riforma appare molto più difficile nonostante ad inizio mese tante indicazioni positive

Novità positive agoosto sulle pensioni e primi passi indietro dopo annunci: le ultime notizie e le ultime posizioni di premier Renzi e ministro dell’Economia Padoan




Si è aperto all’insegna della positività il mese di agosto per quanto riguarda le novità pensioni e i risultati del dibattito sulla questione previdenziale. Una positività e un entusiasmo smontati alle ultime notizie che sembrano invece ritrattare. Ma andiamo con ordine: verso la fine del mese di luglio, inizio di agosto, il ministro dell’Economia Padoan, da sempre contrario a ogni intervento di modifica sulle pensioni, aveva aperto al contributivo come proposto dal presidente dell’Inps Boeri.

In occasione della Festa dell’Unità, tenutasi sempre a luglio, a Roma, il premier Renzi era tornato a parlare direttamente di pensioni, annunciando, in particolare, la disponibilità di mettere in atto due interventi innanzitutto, aumento delle pensioni minime e piani per rendere l’uscita dal lavoro più flessibile per tutti. Si era, inoltre, aperta in Parlamento a inizio mese la speranza di approvazione del contributivo donna e compiuti i primi passi per l’approvazione anche dell’assegno universale, nei confronti del quale lo stesso governo si era mostrato disponibile, destinato agli over 55 che perdono il lavoro e per cui non si prospetterebbero effettive buone possibilità di reinserimento nel mondo del lavoro.

In questi ultimi giorni, invece, diversi passi indietro, dalle prime smentite sulla fattibilità degli interventi annunciati perché bloccati dai tecnici del Ministero delle Finanze, all’andamento negativo del Pil specchio di una situazione economica che non sta decisamente migliorando, all’incertezza della disponibilità di fondi e coperture necessarie per le misure della prossima Manovra Finanziaria, ai nuovi silenzi di premier Renzi e ministro dell’Economia Padoan.

Entrambe, infatti, in occasione del meeting di Cl che si sta tenendo a Rimini, nei loro interventi su casa, tasse, lavoro, non hanno fatto alcun riferimento a questione previdenziale e novità pensioni, proprio quando, però, ci si aspettava qualche novità soprattutto collegata alla questione lavoro. Eppure, nonostante questi passi indietro e gli autorevoli silenzi di premier e ministro dell’Economia, in Commissione Lavoro si continua a lavorare per mettere a punto novità pensionistiche e i diversi schieramenti politici sono sempre più convinti della necessità di intervenire sull’attuale legge.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il