BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni legge previdenza novità, riforma Sud Italia piano, quota 96, riforma scuola precari assunzioni: novità sabato oggi

Le novità del governo Renzi ad oggi sabato 29 agosto tra via alla fase B del piano assunzioni dei precari della scuola, nuovo piano di rilancio del Mezzogiorno e questioni pensioni e carceri ancora aperte.




Mentre si fa sempre più difficile, ad oggi sabato 29 Agosto, la possibilità di vedere novità pensioni nella prossima Manovra Finanziaria di ottobre, torna a prendere piede l’ipotesi di un decreto previdenza da approvare subito dopo e con misure decisamente diversi da quei piani di prepensionamento da tutti auspicati. Secondo le ultime notizie, poi, nuove speranze per i quota 96 della scuola potrebbero arrivare dalla prossima riunione della Commissione Lavoro di mercoledì prossimo 9 settembre, mentre si torna a parlare di piano per il rilancio del Mezzogiorno e si prepara a partire la fase B del piano di stabilizzazione dei precari della scuola.

Pensioni: Continua ad essere sempre più difficile riuscire ad immaginare che entro settembre vengano definiti piani di intervento e recuperate quelle risorse economiche necessarie per la definizione di interventi pensionistici nella prossima Manovra Finanziaria. Nonostante, infatti, sia sta messa a punto una nuova proposta che combina le proposte di uscita anticipata con quota 100, mini pensione, contributivo che permetterebbe di andare in pensione a 62 anni, 63 anni, accettando un taglio del 3% per ogni anno in cui si va in pensione prima, fino ad un massimo del 15% se si lascia a 62 anni, ma ricevendo una mini pensione per alleggerire il peso dei tagli, i tecnici del Ministero delle Finanze continuano a bloccare ogni novità, nell’attesa di un recupero di fondi necessari. E mentre si allontanano sempre più le speranze di novità pensioni positive, riprende piede il decreto previdenza ormai tanto caro al premier Renzi. Il decreto, che potrebbe presumibilmente arrivare dopo la Manovra di ottobre, dovrebbe innanzitutto contenere quegli interventi negativi su baby pensioni, pensioni di invalidità, reversibilità, cumulo che servirebbero proprio recuperare nuove risorse economiche da destinare poi a ulteriori interventi pensionistici o per il welfare. Anche l’assegno universale, al momento limitato agli over 55 come proposto dal presidente dell’Inps Boeri, potrebbe rientrare in questo decreto previdenza, sempre a patto che siano disponibili i soldi necessari.

Riforma Scuola assunzioni precari: Parte la fase B del piano assunzioni dei precari della scuola della Buona Scuola. Entro il 15 settembre gli aspiranti docenti dovranno rispondere alla proposta di collocazione che sarà inviata tra il primo e il 2 settembre. Per i posti disponibili, per il sostegno nel complesso i posti sono 8797; per la scuola dell'infanzia i posti disponibili sono zero, ma 569 per il sostegno; per la primaria sono 15 i posti comuni, 3.118 i posti per il sostegno; per il I grado sono 3.705 i posti comuni e 4660 per il sostegno; e per la secondaria di II grado, comuni 7413 e per il sostegno 450. Per la scuola di I e II grado, le cattedre disponibili sono 7413: 3705 per il I grado e 3693 per il II. Per il I grado il maggior numero di cattedre si concentra nelle province di Milano, Bergamo, Roma, Torino, Venezia, Brescia, Varese, Treviso e Vicenza. Per il II grado, le province con il maggior numero di cattedre disponibili sono: Napoli, Roma, Bergamo, Milano, Varese, Torino, Bari, Firenze, Treviso, Venezia e Verona, rispettivamente con 88, 220, 132, 196, 83, 117, 83, 71, 112, 81 e 79 cattedre. Per il sostegno, per la scuola d'infanzia sono 569 cattedre di cui 20, 65, 90, 27 e 38 nei seguenti comuni: Frosinone, Roma, Milano, Novara e Torino. Per la primaria i posti relativi al sostegno sono 3118. Emerge, dunque, una maggiore concentrazione di posti a Modena, Roma, Genova, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Milano, Pavia, Varese, Torino, Venezia, Verona e Vicenza.

Quota 96: I 4mila interessati di quota 96 della scuola aspettano la nuova data del prossimo mercoledì 9 settembre per scoprire se, in occasione della nuova riunione della Commissione Lavoro per decidere sulla settima salvaguardia per gli esodati, sarà effettivamente affrontata di nuovo la questione dei pensionandi della scuola ancora in attesa di definitivo congedo nonostante abbiano maturato i requisiti pensionistici loro richiesti già tre anni fa ormai. A far nascere il caso un errore di formulazione contenuto nell’attuale legge previdenziale ma che si fa fatica a correggere. E al momento l’unica certezza è che da martedì primo settembre docenti e personale Ata interessato dovrà ancora una volta tornare a lavoro.

Indulto e amnistia: Cresce ancora l'attesa per cappire quale sarà il futuro delle misure di indulto e amnistia, i cui ddl sono ancora fermi in Commissione Giustizia. Continuano a susseguirsi le richieste di approvazione di queste misure di clemenza che permetterebbero di risolvere in tempi brevi l'emergenza carceraria che affligge ormai da tanto tempo le nostre carceri. A chiederle sono diverse forze politiche e non solo. Ma il ministro della Giustizia Orlando, sostenuto anche dal premier Renzi, non è favorevole a questi provvedimenti.

Riforma piano Sud Italia: Il piano di rilancio del Mezzogiorno è stato annunciato già qualche tempo fa dal premier Renzi e rappresenta uno dei fiori all'occhiello del suo piano di rilancio dell'economia del Paese in generale. Il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, ha poi spiegato che per  “il Sud serve un piano da almeno 70, 80 miliardi di euro sulle nuove infrastrutture. Una cifra poderosa, il fulcro di un modello di rilancio. I grandi investimenti che muovono Pil e posti di lavoro sono la condizione per creare quel substrato che serve oggi in qualunque economia moderna evoluta”. E in occasione del meeting di Cl di Rimini, anche il ministro dell’Economia Padoan ha fatto un riferimento particolare alla difficile situazione del Sud, spiegando che per l'emergenza Mezzogiorno, il governo ha intenzione di capire come “nel vincolo delle risorse disponibili, si possano immaginare agevolazioni fiscali per il Sud, puntando attenzione alla disciplina sugli aiuti di Stato”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il