BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Renzi: modifiche necessarie e urgenti. I nuovi dati sbagliati su occupazione lo dimostrano ancora

Diversi esponenti del Pd alla ricerca della quadra sulla riforma pensionistica.




Il governo Renzi continua a lavorare per una strutturale riforma del piano pensionistico ma non senza difficoltà. I numeri sulle assunzioni che si sperava più alto dopo l’introduzione del Jobs Act infatti sembrano non dare ragione a chi sperava in un più massiccio aumento del turn over che per ora stenta ad arrivare.

Risultato è che la crescita delle assunzioni come dimostrato dalle statistiche e come ammesso ultimamente da diversi tecnici e politici non è quella sperata inizialmente. Il dibattito sulla nuova legge previdenziale dunque non accenna a placarsi, così come continuano ad essere attese novità e soluzioni da parte del governo per modificare l'attuale legge pensionistica, tra quota 100, mini pensione, contributivo e assegno universale.

Le ultime notizie sono così ancora piuttosto confuse anche a causa delle posizioni degli esponenti del Pd che sono piuttosto divergenti, sia all'interno dello stesso partito, che con le altre forze politiche.

Da un lato ad esempio c’è Cesare Damiano, che continua a rilanciare su piani di quota 100 e uscita a 62 anni con decurtazioni sugli assegni finali, l’esponente del Pd si è posto in maniera polemica nei confronti del viceministro dell’economia Morando e della sua idea di novità pensioni a costo zero, sia nei confronti dell’ipotesi del presidente dell’Inps Boeri di pensione anticipata e ricalcolo contributivo con penalizzazioni finali.

Il sottosegretario Baretta ha, invece, annunciato per il mese di settembre novità per anticipare l’uscita dal lavoro, attraverso l’ipotesi di una penalizzazione del 3% per ogni anno di anticipo di pensione, a partire dai 62 anni, rispetto ai 66 oggi richiesti, fino ad arrivare ad un massimo del 12% per chi decide di lasciare con 4 anni di anticipo. Dal canto suo, invece, il presidente della Commissione Bilancio Boccia ha chiesto al governo di intervenire sulle pensioni e sui contratti pubblici, così come deciso dall'Alta Corte.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il