BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità legge stabilità rischio nulle, riforma proroga Volontary Disclusure, quota 96, riforma scuola: novità lunedì oggi

Le novità del governo Renzi ad oggi lunedì 31 Agosto tra rischi che non si faccia nulla per le pensioni, avvio della seconda fase di assunzione dei precari della scuola e novità per ilo rientro del capitali. Le ultime notizie




Novità oggi lunedì 31 Agosto e ultime notizie, ultimissime aggiornate odierne e facendo anche il punto su quello che è siccesso in settimana e nel mese trascorso. Si prospettavano positive novità sulle pensioni all’inizio del mese di agosto, pian piano svanite a causa di ultime notizie che hanno reso negativo il quadro di lavoro del governo.Parte intanto la nuova fase di stabilizzazione dei precari della scuola e si paventa l’ipotesi di una proroga per il rientro dei capitali in Italia.

Pensioni: Dopo un mese di agosto in cui sembravano essersi aperte nuove ipotesi concrete di intervento sulle pensioni, ora si fanno sempre più concreti nuovi rischi che invece nulla venga effettivamente realizzato nel breve periodo e questo chiaramente fa tramontare ogni possibile novità nella prossima Manovra Finanziaria. Resta ancora aperto, dunque, il dibattito sui piani di prepensionamento e la nuova legge Renzi-Boeri, e sull’assegno universale, cioè a chi destinarlo e dove reperire le risorse economiche necessarie per le coperture, non tutti sono favorevoli a modifiche delle pensioni. A partire dai tecnici del Ministero delle Finanze che continuano a bloccare ogni intervento, per mancanza di risorse economiche vista la situazione finanziaria italiana. Ed è proprio a causa dei questi blocchi che sono ancora in ballo caso dei quota 96 della scuola così come proroga del contributivo donna. Anche Cazzola non è favorevole a cambiamenti sulle pensioni proprio in questo momento, dalla parte del ministro dell’Economia Padoan che da sempre difende l’attuale legge previdenziale ritenendo che sia l’unica capace di garantire sostenibilità economica in questo momento di crisi per l’Italia. E proprio Padoan, dopo essersi dimostrato possibilità, a luglio, su piccoli interventi pensionistici, è tornato a tacere sulla questione. In occasione del meeting di Cl di Rimini, infatti, durante il suo intervento non ha fatto alcun riferimento alla questione previdenziale, sulla scia, però, di quanto aveva già fatto il giorno precedente il premier Renzi che parlando di tasse, casa, famiglia, lavoro non ha accennato a nulla sulle pensioni, deludendo in tanti. Dopo, infatti, le sue ultime dichiarazioni in occasione della Festa dell’Unità dello scorso luglio tenutasi a Roma, quando aveva aperto a due interventi principali di rilevante importanza e urgenze, vale a dire maggiore flessibilità in uscita per tutti e aumento delle pensioni minime, Renzi è tornato a tacere, probabilmente apposta, nell’attesa di capire se e quali saranno le risorse disponibili per eventuali interventi. O se tutto sarà rimandato al prossimo anno.
 
Riforma Scuola assegnazione posti: Si continua a lavorare per il piano assunzioni dei precari della scuola della Buona Scuola ed entro il 15 settembre gli aspiranti docenti dovranno rispondere alla proposta di collocazione che sarà inviata tra il primo e il 2 settembre. I posti disponibili, per la scuola dell'infanzia i posti disponibili sono zero, ma 569 per il sostegno; per la primaria sono 15 i posti comuni, 3.118 i posti per il sostegno; per il I grado sono 3.705 i posti comuni e 4660 per il sostegno; e per la secondaria di II grado, comuni 7413 e per il sostegno 450. Per la scuola di I e II grado, le cattedre disponibili sono 7413: 3705 per il I grado e 3693 per il II. Per il I grado il maggior numero di cattedre si concentra nelle province di Milano, Bergamo, Roma, Torino, Venezia, Brescia, Varese, Treviso e Vicenza. Per il II grado, le province con il maggior numero di cattedre disponibili sono: Napoli, Roma, Bergamo, Milano, Varese, Torino, Bari, Firenze, Treviso, Venezia e Verona. Per il sostegno nel complesso i posti sono 8797, e per la scuola d'infanzia sono 569 cattedre di cui 20, 65, 90, 27 e 38 nei seguenti comuni: Frosinone, Roma, Milano, Novara e Torino. Per la primaria i posti relativi al sostegno sono 3118. Emerge, dunque, una maggiore concentrazione di posti a Modena, Roma, Genova, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Milano, Pavia, Varese, Torino, Venezia, Verona e Vicenza.

Indulto e amnistia: Sono ancora allarmanti le ultime notizie che arrivano dalle carceri italiane: nel giro di un solo mese, infatti, detenuti si tolti la vita, aumentano anche le aggressioni nei confronti di agenti della Polizia penitenziaria e crescono le richieste di approvazione delle misure di indulto e amnistia, la cui discussione è bloccata da mesi in Commissione Giustizia. Il segretario del Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria, Donato Capece, ha dichiarato che “l’amministrazione penitenziaria, nonostante i richiami di Bruxelles, non ha affatto migliorato le condizioni di vivibilità nelle celle, perché ad esempio il numero dei detenuti che lavorano è irrisorio rispetto ai presenti, quasi tutti alle dipendenze del Dipartimento Ammirazione Penitenziaria in lavori di pulizia o comunque interni al carcere, poche ore a settimana. Tenere i detenuti fuori dalle celle buona parte del giorno a non far nulla è una scelta assurda e pericolosa. Dovrebbero lavorare, i meno pericolosi in progetti di recupero ambientale nelle città, pulendo i greti dei fiumi o i giardini pubblici, gli altri in attività dentro al carcere”.

Quota 96: Docenti e personale Ata interessati alla quota 96 guardano con attesa e curiosità a mercoledì 9 settembre per scoprire se, in occasione della nuova riunione della Commissione Lavoro sulla settima salvaguardia per gli esodati, si metteranno a punto anche soluzioni definite per il pensionamento dei 4mila lavoratori della scuola che da tre anni ormai attendono di lasciare il lavoro. L’unica certezza ad oggi è che dal primo settembre ognuno di lavoro si prepara a tornare in cattedra.

Riforma Voluntary disclosure proroga: Si fa sempre più strada l'ipotesi di una riforma di proroga della Voluntary disclosure a fine anno della sanatoria per il rientro di capitali in Italia. Grazie alla voluntary disclosure, chi opta per il rientro dei capitali mantiene la fedina penale pulita, anche in presenza di ipotesi di reato come frode fiscale e ricettazione che prevedono pena di circa 10 anni.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il