Google e i suoi fondatori non sono un modello imprenditoriale ma parassiti. Parola di Montezemolo.

L'editore tedesco Hubert Burda (nella foto) era al convegno romano sul futuro dei media organizzato venerdì scorso a Roma dalla Fieg.



L'editore tedesco Hubert Burda (nella foto) era al convegno romano sul futuro dei media organizzato venerdì scorso a Roma dalla Fieg e nell'occasione ha sostenuto che «in Europa ci manca gente come Sergey Brin e Larry Page; questa generazione americana è cresciuta dallo spirito del rock'n'roll». I due trentenni citati sono i fondatori del motore di ricerca Google che in borsa vale 143 miliardi di dollari circa. Secondo Burda «in Europa avevamo una generazione così tra il 62 e il 64. Poi venne il 68».

Tesi francamente curiosa che quantomeno contrasta con le ricerche sull'esplosione creativa dell'hi-tech californiano, secondo molti alimentato anche dalle utopie libertarie e persino anarchiche degli anni '60 americani.In ogni caso su Google e gli altri motori di ricerca come Yahoo! e Msn, l'opinione del presidente della Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo è invece totalmente opposta; non li considera un modello imprenditoriale e semmai dei parassiti: «Attori che prendono senza dare, che non producono contenuti ma poggiano la loro forza sulla tecnologia» ha detto, precisando che questi software «somigliano a parassiti, hanno bisogno di un muro per arrampicarsi, cioè le informazioni dei giornali, ma poi lo distruggono prosciugandone le fonti pubblicitarie».
Il giudizio è sbagliato due volte, qualcuno dovrebbe spiegarglielo. Intanto perché l'internet ormai produce una quantità di informazione di valore enorme e superiore a quella dei quotidiani e gli stessi quotidiani la saccheggiano ogni giorno, spesso senza nemmeno citare la fonte (Repubblica è leader assoluto nel ramo). E poi perché i motori di ricerca hanno l'effetto straordinario di fare da cassa di risonanza, attraverso i link, alla stampa tradizionale, accrescendone la reputazione e il valore del marchio. Per i quotidiani dunque sa rete è sia fonte preziosa che edicola e vetrina. Ma l'editore ingrato nemmeno ringrazia.

Franco Carlini

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il