BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novitÓ posizioni differenti sempre maggiori, riforma Senato, indulto Papa Francesco, riforma scuola: novitÓ oggi giovedý

Le novitÓ del governo Renzi ad oggi giovedý 3 settembre tra blocco sulle pensioni per mancanza di convergenza politica, nuova fase di assunzione dei precari della scuola e riforma Senato. Le ultime notizie




Ancora novità ad oggi giovedì 3 Settembre sulle riforma pensioni e in essere come Senato e riforma Senato. Partiti politici e Pd stesso continuano ad essere divisi sulla questione previdenziale e si tratta di divisioni che mettono a rischio le novità sulle pensioni, mentre resta ancora aperta la questione dei quota 96 della scuola anche se le ultime notizie fanno sperare che qualcosa possa cambiare il prossimo 9 settembre quando si riunirà nuovamente la Commissione Lavoro. Al via da stanotte oggi 1-2 settembre 2015 la nuova fase di assunzione dei precari della scuola tra proposte e accettazioni.

Pensioni: Partiti polititi e Pd stesso continuano ad essere divisi sulla questione previdenziale e si tratta di divisioni che mettono a rischio l’intero lavoro sulle pensioni. Pd, Lega, M5S, Forza Italia continuano a ‘battersi’ per la definizione dell’approvazione di modifiche alle pensioni attuali, portando avanti ognuno le proprie idee. Tra l’assegno universale per tutti del M5S, l’aumento a mille euro per le pensioni minime di Forza Italia, proroga del contributivo donna, chiesta sia da M5S che da Lega (fino al 31 dicembre 2018), sia dalla deputata Gnecchi del Pd, uscita a 41 anni per tutti indipendentemente dall’età anagrafica, tra le proposte di Cesare Damiano, e piani di quota 100, mini pensione e contributivo, tutto resta ancora piuttosto incerto. A questa situazione di divisione politica interna si aggiungono anche le forti divisioni tra Ministero Finanze, Inps, Parlamento e i diversi partiti politici. I tecnici del Ministero delle Finanze, infatti, non fanno che bloccare interventi e frenare le diverse ipotesi di modifica proposte per un’attenzione particolare ai conti e alle disponibilità economiche, ma si tratta di novità su cui invece preme l’Inps che, come ha già dimostrato la concretezza del suo presidente Boeri, è intenzione a portare avanti, da contributivo ad assegno universale. Il Ministero del Lavoro, intanto, prende tempo e accenna alla possibilità di part time senza però definire un proprio piano di interventi precisi e puntuali, mentre il Parlamento punta sul piano di quota 100 ma senza alcuna penalizzazione, così come del resto hanno anche chiesto i sindacati. Secondo il parere di molti, la quota 100 sarebbe il migliore sistema di uscita flessibile perché permetterebbe al lavoratore davvero di essere libero di scegliere quando andare in pensione.

Riforma Scuola Assegnazioni posti assunzioni: Dalle 24 di stanotte partono gli invii delle proposte di assunzioni per i precari della scuola che rientrano nel piano di stabilizzazione definito dalla nuova riforma della Scuola Renzi. Le proposte di assunzione saranno disponibili su Istanze Online dalle 00:01 del giorno 2 settembre e i docenti destinatari del piano avranno tempo fino alle 24del giorno 11 settembre  per accettare la proposta, attraverso le specifiche funzioni disponibili su Istanze Online. Per accettare la proposta basta seguire le istruzioni ma la mancata accettazione, come spiegato dal Miur, comporta l'esclusione dal piano straordinario di assunzioni, non permetterà di ricevere più successive proposte di nomina, e si verrà cancellati da tutte le graduatorie nelle quali si è inseriti (GaE e concorso ordinario). Ciò significa che l’aspirante docente che vorrà tornare in cattedra dovrà ripartire dal prossimo concorso il cui bando sarà pubblicato entro il primo dicembre.

Indulto e amnistia: Domani mercoledì 2 settembre si riunirà la Commissione Giustizia di nuovo per l’esame congiunto dei disegni di legge sulle misure di indulto e amnistia, sempre più necessarie alla luce delle condizioni di vita ancora drammatiche che si registrano nelle nostre carceri e confermate dall’aumento dei tentativi di suicidi in carcere ma anche di aggressioni agli agenti della Polizia penitenziaria. L’associazione Ristretti Orizzonti ha sottolinea il record tragico di suicidi in carcere proprio per confermare l’emergenza carceraria ancora vigente e ha fatto sapere che si è tratta di ‘Un’estate terribile per le carceri italiane, con un record che eguaglia quello del 2005, quando però negli istituti penitenziari vi erano oltre 60mila persone, costrette in uno stato di intollerabile sovraffollamento, a cui fu posto momentaneo rimedio l’anno successivo con la concessione di un indulto. Nel 2005 si verificarono 12 suicidi di detenuti tra luglio e agosto ed a fine anno se contarono complessivamente 57. Nel luglio del 2006 fu concesso l’indulto e i suicidi quell’estate furono 6, saliti solo a 7 nel 2007.”

Quota 96: Dopo il nulla di fatto nella riforma della P.A. prima e della Scuola dopo si attendono novità per i quota 96 della scuola mercoledì prossimo 9 settembre quando la Commissione Lavoro tornerà a riunirsi per discutere della proroga del contributivo donna e della situazione dei lavoratori cosiddetti quindicenni, occasione che si spera sia quella giusta anche per definire pensionamenti finalmente definiti anche per i 4mila lavoratori della scuola in attesa della pensione ormai da tre anni.

Riforma Senato: Resta alta la tensione nel Pd sulla riforma costituzionale ma nel partito si cerca comunque di trovare una mediazione. In discussione l'opzione del listino regionale e la possibilità che siano le singole regioni a scegliere le modalità dell'elezione dei senatori. Una proposta che arriva direttamente dal governo e che alcuni ritengono già da approfondire. Forza Italia però  ribadisce che il “se Renzi pensa di poter fare da solo vada avanti ma andrà a sbattere”.

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il