BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Buoni pasto elettronici e cartacei: controlli e regole reali effettive. Quando e come si può ancora fare spesa supermercato

Novità buoni pasto elettronici e cosa cambia rispetto ai tradizionali: le regole in vigore da luglio e come fare la spesa al supermercato




Le nuove regole, in vigore dallo scorso luglio, sull’uso dei buoni pasto a partire da quest’anno ha creato confusione e diverse polemiche. Cercheremo dunque di chiarire la situazione e le modalità di uso dei tradizionali buoni pasto cartacei e dei nuovi elettronici. Nessuna novità prevista per quest’anno sull’uso e la cumulabilità dei tradizionali buoni pasto cartacei, che potranno tranquillamente continuare ad essere cumulati e utilizzati per fare la spesa nei supermercati convenzionati o in trattorie, ristoranti e bar sempre convenzionati. Il loro valore resta di 5,29 euro. Sale invece a 7 euro il valore dei nuovi buoni pasto elettronici.

A luglio, si era detto che i buoni pasto elettronici non sarebbero stati cumulabili, non più utilizzabili per fare la spesa o da spendere in pizzerie e ristoranti, perchè, secondo le novità previste, non possono essere usati al di fuori di ore e giornate lavorative. Il datore di lavoro deve, infatti, distribuire un numero di buoni non superiore ai giorni realmente lavorati dal dipendente e questi buoni, forniti sotto forma di carta simile ad un bancomat, non possono essere utilizzati se non, infatti, durante i giorni in cui effettivamente si lavore e nelle ore specifiche di impiego.

Sui dubbi sull’uso dei buoni elettronici per fare la spesa è intervenuta  Altroconsumo che ha smentito questa novità, spiegando che ‘Una delle notizie che si è diffusa è che con i ticket elettronici non sarà più possibile pagare la spesa al supermercato o la cena in pizzeria. Non è vero: in realtà i buoni elettronici hanno gli stessi limiti di quelli cartacei. In questo senso la normativa non è cambiata come invece alcune notizie hanno fatto credere’.

E’, dunque, possibile l’uso, anche cumulativo, dei nuovi ticket nei negozi e supermercati convenzionati. Il problema per l’uso di questi ticket è piuttosto un altro: per accettare questi buoni elettronici, sotto forma di carta magnetica, simile a quella bancomat, gli esercizi commerciali dovranno dotarsi di un particolare Pos, cosa che comporterebbe costi che non tutti sono disposti e pronti a sostenere a causa delle commissioni elevate.

BUONI PASTO: tutte le novità del 2016. Dopo anni di ristagno, finalmente i buoni pasto sono stati "aggiornati". Tante novità in arrivo: limiti più elevati totalmente detraibili, buoni pasto elettronici, ma anche più complicazioni. Vediamo quale effettivamente conviene.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il