BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie nel medio termine quota 100, legge Renzi-Boeri, contributivo, assegno universale favoriti da Pil positivo

Pil in costante aumento e situazione economica in miglioramento potrebbero favorire novità pensioni: ultimi dati Istat e prospettive




Le speranze di intervenire con novità sull’attuale legge pensionistica potrebbero diventare sempre più concrete se il Pil si mantenesse su livelli di crescita costante. Le ultime notizie confermano, infatti, che l’Istat ha rialzato a +0,3% la stima sulla crescita del prodotto interno lordo italiano nel secondo trimestre rispetto a quello precedente, dal 0,2% della stima preliminare diffusa il 14 agosto e, rispetto al secondo trimestre del 2014, il progresso è dato ora allo 0,7%, dallo 0,5% comunicato il mese scorso. Inoltre, è stato rivisto al rialzo dallo 0,3 allo 0,4% anche l’aumento del pil nel primo trimestre.

Questi numeri indicano che la crescita acquisita per il 2015, cioè quella che si otterrebbe in presenza di una variazione nulla nei restanti trimestri dell’anno, risulta ora pari al +0,6%, dal +0,4% della stima di metà agosto. L’aumento del Pil nel secondo trimestre, rispetto a quello precedente, è dovuto per lo 0,3% all’aumento dei consumi, grazie al +0,4% dei consumi delle famiglie compensato da una contrazione dello 0,2% della spesa della P.A. Bene anche le importazioni, su del 2,2%, mentre l’export è salito solo dell’1,2%.

Commentando questi ultimi dati, il premier Renzi ha detto che “arrivano sulla crescita dimostrano una cosa molto semplice: non siamo ancora la maglia rosa, non siamo quelli che crescono più di tutti, ma siamo tornati nel gruppo. E siamo tornati nel gruppo grazie al percorso di riforme che abbiamo fatto e stiamo facendo”.

Si tratta di numeri che hanno un importante significato e che potrebbero avere un forte impatto sulle misure sulle pensioni. Se infatti, come ribadito più volte, la crescita economica italiana dovesse assestarsi su livelli crescenti, allora si potrebbe procedere a chiedere maggiore flessibilità all’Ue per modifiche e si verificherebbero condizioni favorevoli all’approvazione di quota 100, contributivo, legge Renzi-Boeri, assegno universale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il