BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie si aprono nuovi scenari se Renzi deve abbandonare taglio Imu e Tasi per il no Corte dei Conti e Bankitalia

Il governo è alle prese con il taglio delle imposte sulle casa, ma non tutti sono d'accordo. Ci saranno conseguenze anche sulle pensioni?




Nella composizione del puzzle delle pensioni occorre seguire con attenzione tutte le mosse del governo in ambito di politica economica. Le risorse sono poche e ogni decisione è in grado di spostare anche sensibilmente gli equilibri e il percorso delle riforme. Ecco allora che la partita dell'abolizione delle tasse sulla casa, l'Imu e la Tasi, ricopre una parte decisiva anche nelle scelte sul welfare, previdenza inclusa. Il premier Matteo Renzi ha detto e ribadito che a dicembre, con il pagamento delle seconde rate, le due imposte andranno in soffitta. Fino a che punto le mancate entrate avranno ripercussioni sulle altre riforme programmate? Quali conseguenze sul versante delle pensioni?

Si tratta di questioni che non possono essere trascurate e che vanno inserite in un contesto più generale. Secondo la Corte dei conti e Bankitalia occorre procedere con molta cautela. Secondo il governatore Ignazio Visco, "in generale la casa è un asset che, a livello internazionale, viene normalmente tassato. Perché è un cespite che non si sposta, e perché la casa solitamente sfrutta servizi pubblici basilari che devono essere finanziati". Per i magistrati contabili andrebbe invece rivista la spartizione del peso fiscale andando dunque al di là della cancellazione delle imposte per tutti: "Il confronto con l'Europa segnala una distribuzione dell'onere fiscale che penalizza i fattori produttivi rispetto alla tassazione dei consumi e del patrimonio".

La coperta economica è comunque corta e in ogni caso occorre fare i conti anche con Bruxelles. Ieri Annika Breidthardt, portavoce del commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici, è stata piuttosto diplomatica sul tema: la manovra finanziaria, che avrà un valore di 25-30 miliardi di euro, "sarà valutata in autunno, quando riceveremo il piano di bilancio". E Renzi? "Le tasse le abbassiamo da soli, non ce lo facciamo dire dall'Unione europea cosa tagliare o no".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il