BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Renzi nuove regole per welfare in decreti attuativi CDM approvati venerdì dal Governo

Sono tante le novità su lavoro e pensioni all'ordine del giorno nel Consiglio dei ministi di oggi. Quali sono le ultime notizie?




Sono attese importanti novità sul fronte del lavoro e indirettamente anche su quello delle pensioni dal Consiglio dei ministri di oggi venerdì 4 settembre 2015. In particolare, stando alle ultime notizie sono in agenda altri 4 decreti attuativi del Jobs Act ovvero gli ammortizzatori sociali, la creazione dell'Agenzia unica per le ispezioni, la semplificazione dei rapporti di lavoro, le politiche attive. Uno dei temi più caldi è quello dei controlli a distanza, rispetto ai quali Palazzo Chigi intende mantenere una linea ferrea. Si tratta dell'ultimo passaggio sulla riforma del mercato del lavoro, dopodiché l'esecutivo potrà verosimilmente concentrarsi sulla revisione delle regole sulle pensioni.

Lo Statuto dei lavoratori all'articolo 4 vieta di utilizzare impianti audiovisivi e altre attrezzature date in dotazione ai dipendenti per controllare a distanza gli stessi lavoratori. L'articolo 23 del decreto sulle semplificazioni delle procedure consente al datore di lavoro di utilizzare anche a fini disciplinari le informazioni raccolte attraverso telefonini, PC, tablet e smartphone. La commissione Lavoro della Camera dei deputati, presieduta da Cesare Damiano, esponente della minoranza di sinistra del Partito Democratico, ha chiesto di vietare di utilizzare ai fini disciplinari i dati raccolti con il telecontrollo. In un primo momento il governo sembrava propenso ad accogliere il suggerimento.

Sulla riforma del welfare in Italia ha fatto sentire la sua voce anche Maurizio Sacconi del Nuovo Centrodestra, presidente della commissione Lavoro del Senato. A suo dire "sarà importante, ai fini di un giudizio complessivo della riforma verificare se il governo riuscirà a sottomettere le moltissime Regioni inefficienti, ad avviare la riduzione dei contributi per ammortizzatori in relazione al loro impiego, a superare le sovrapposizioni ispettive, a vincere le resistenze conservatrici che a sinistra si oppongono alle semplificazioni".

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il