BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pubblica amministrazione: riordino forze dell'ordine polizia, forestali, carabinieri e rinnovo stipendi, sblocco contratti

Sono tante le misure sul personale che coinvolgono la riorganizzazione della pubblica amministrazione in Italia. Verso lo sblocco dei contratti.




Continua la riorganizzazione della pubblica amministrazione, anche in seguito alla recente sentenza della Consulta che ha obbligato il governo a sbloccare il rinnovo dei contratti. Tuttavia nella prossima manovra finanziaria, l'adeguamento degli stipendi dovrebbe essere previsto solo per le retribuzioni più basse. L'esecutivo avrebbe intenzione di stanziare circa 1,6 miliardi di euro, rispetto ai 5-7 miliardi complessivi che occorrerebbero nel caso di coinvolgimento totale. Il ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, è comunque possibilista: "Ci sarà una discussione collegiale e stabiliremo quanto risorse saranno disponibili per il rinnovo dei contratti e poi apriremo una nuova stagione contrattuale".

Tra le novità contenute nella legge 124 del 2015 c'è poi i passaggio ai Vigili del fuoco dei mezzi e del personale del Corpo forestale con funzioni anti-incendio. La maggior parte dei forestali confluirà comunque nei Carabinieri o nella Polizia, per cui "resta ferma la corresponsione, sotto forma di assegno ad personam riassorbibile con i successivi miglioramenti economici, a qualsiasi titolo conseguiti, della differenza, limitatamente alle voci fisse e continuative fra il trattamento economico percepito e quello corrisposto in relazione alla posizione giuridica ed economica di assegnazione".

I dirigenti saranno organizzati in ruoli unici (dello Stato, delle Regioni e degli enti locali) in modo da favorire la loro mobilità da un'amministrazione all'altra. Nella stessa linea vanno le nuove regole per il conferimento degli incarichi, che avranno durata quadriennale e potranno essere prorogati per altri due solo in casi motivati, sempre che l'interessato abbia ottenuto una valutazione positiva: altrimenti bisognerà passare per una selezione. I dirigenti privi di incarico riceveranno solo il trattamento economico fondamentale e decadranno dopo un certo tempo, se avranno ricevuto una valutazione negativa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il