BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Renzi e da importanti fonti arrivano conferme che si procede a lavorare su pensioni anticipate

Procedono i lavori sulle pensioni con diverse novità allo studio. Lo spiegano diverse fonti autorevoli




AGGIORNAMENTO: Le novità sulle pensioni sono solo posticipate, si continua a lavorare su diversi piani e ipotesi in tempi differenti. Lo stanno rivelando diverse fonti importanti smentendo così le ultime notizie su una cancellazione totale degli interventi. Lo abbiamo visto in questo articolo.

Le Feste dell’Unità che si sono tenute durante questa estate, a partire da quella di luglio a Roma, sono state interessanti perché hanno riportato novità pensioni che avrebbero fatto pensare a modifiche finalmente imminenti. L’indicazione più importante è stata quella de premier Renzi che proprio a Roma annunciava due interventi prioritari per modificare l’attuale legge, vale a dire aumento delle pensioni minime e modifiche flessibili per permettere a tutti di andare in pensione prima. Poi le aperture, inaspettate, del ministro dell’Economia Padoan, da sempre contrario a interventi pensionistici ma che invece si era mostrato disponibile al ricalcolo contributivo del presidente dell’Inps Boeri.
 
Indicazioni positive sono derivate anche dalle prime settimane di agosto in cui sembravano davvero vicinissime approvazione di proroga del contributivo donna e applicazione dell’assegno universale, entrambi però nuovamente bloccati dai tecnici del Ministero delle Finanze per mancanza di risorse economiche necessarie. E da allora tutto i progetti di modifiche sulle pensioni hanno iniziato a venire meno: nulla più né al premier Renzi né dal ministro dell’Economia Padoan, dai loro interventi al meeting di Cl tenutosi a Rimini, occasione in cui hanno affrontato ogni tema, da casa a tasse, lavoro, famiglia, senza fare alcun accenno alle pensioni, alle recenti Feste dell’Unità.

A Milano, per esempio, Renzi ieri ha parlato di situazione economia italiana e di speranze e fiducia di ripresa sempre più vicina, di cooperazione internazionale per quanto riguarda  la questione migranti, di unioni civili e di interventi a 360 gradi per il rilancio della bella Italia. Nulla, però, anche in questa occasione sulle pensioni, nessun riferimento a quegli interventi tanto attesi che dovrebbero modificare l’attuale legge rendendola meno rigida per tutti. E con somma delusione non solo dei presenti.

Nulla nemmeno in occasione del Workshop The European House- Ambrosetti di Cernobbio, dove al centro di dibattiti, incontri e interventi, con protagonisti, tra gli altri, i ministri dell'Economia Padoan, della P.A. Madia, più orientati su questione economica e necessità di ripresa. E’ chiaro, dunque, come ogni novità, a meno che non ne arrivino di nuove mercoledì 9 settembre dalla riunione della Commissione Lavoro, sarà rimandata ancora e probabilmente al prossima anno così com’era stato ipotizzato già qualche settimana fa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il