BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Expo 2015: prezzi, sconti biglietti Settembre. Orari serali, apertura e chiusura. Padiglioni migliori vedere adulti, bambini

C’è ancora tempo fino al 31 ottobre 2015 per visitare Expo 2015: nuovi orari, nuovo biglietto serale e cosa visitare




C’è ancora tempo fino al 31 ottobre 2015 per visitare Expo 2015, una superficie di circa un milione di metri quadri in cui si potrà muovere anche con la navetta People Mover. I Padiglioni dei 145 Paesi presenti all’Expo costeggiano Cardo e Decumano, le due lunghe direttrici su cui si sviluppa la fiera e all’incrocio tra Cardo e Decumano si trova il Future Food District, una delle Aree Tematiche di Expo Milano2015, realizzato in collaborazione con Coop. Spazio anche agli eventi per i bambini: grazie alla Family Map di Expo Milano 2015, si potranno conoscere tutti i principali luoghi e le principali iniziative dedicate a bambini e genitori all’interno dell’Esposizione Universale e che si può consultare direttamente sul sito www.expo2015.org.
 
Con l’inizio del mese di settembre sono stati introdotti i nuovi orari per Expo 2015 e si può accedere al Sito espositivo a partire dalle 9 dagli accessi di Merlata e di Roserio, le entrate sud e est; mentre per gli accessi di Triulza e Fiorenza l’orario di apertura è alle 10. Anche per questo mese di settembre l’Inps ha deciso di estendere l’iniziativa che permette a certe categorie di avere biglietti gratuiti per l’Esposizione Universale aperta fino a fine ottobre. Si può comprare sempre a cinque euro il biglietto serale che invece di essere valido dalle 19 è valido dalle 18. La chiusura resta invariata, fino alle 23 dal lunedì al venerdì e fino alle 24 il sabato, la domenica e i giorni festivi, così come restano invariati i prezzi degli altri biglietti.

Tra i Padiglioni consigliati da visitare certamente quello degli Emirati Arabi, uno dei più organizzato, con hostess che accompagnano i visitatori lungo il percorso tematico presentato che parte da un filmato proiettato in una sala da cinema e che mostra la storia della nascita e della crescita degli Emirati in circa 15 minuti, lasciando davvero senza parole e lasciando allo spettatore la possibilità di completare la storia, tra innovazione e sostenibilità. Bello anche il Padiglione del Brasile cui si accede camminando su un tappeto di molloni sotto il quale sono disposte diverse tipologie di piante ognuna con la sua funzione.

Consigliabile anche il Padiglione del Giappone, composto da 17mila pezzi di legno incastrati tra loro in modo da lasciar penetrare la luce solare, dove c’è un ristorante da dieci tavoli dove si può fare un pranzo virtuale; quello del Belgio, lungo la cui facciata di vetro sono posizionati bicchieri di birra giganti che lasciano filtrare la luce, mentre a destra, su un muro di cioccolato, alcuni schermi rappresentano il know how dell'industria cioccolatiera belga; e i Cluster presenti, soprattutto quello del Cacao e del Cioccolato, dove si trovano varietà di cioccolato di tutti i gusti. C’è solo l’imbarazzo della scelta tra cioccolato in tavolette, cioccolato fuso (4 euro), gelato (2,50 euro a cono), waffle (4,50 euro) e molte altre tipologie. Tra i gusti più particolari, il cioccolato di Modica allo zucchero di canna e al rhum, ai fichi d’india, all’arancia e anche il cioccolato grezzo equo-solidale, con prezzi intorno ai 4 euro all’etto per ogni varietà.

Per arrivare al Sito Espositivo dell’Expo a Rho, si può andare in metropolitana, prendendo la la linea 1 e seguire le indicazioni per la stazione di Rho Fiera Milano. La stazione metropolitana di Rho Fiera Milano è direttamente collegata con l’accesso Ovest Fiorenza.  Chi, invece, vuole raggiungere il Sito in treno deve seguire le indicazioni per la stazione di Rho Fiera Milano. Le linee suburbane S5-S6 e la nuova S14 da Rogoredo collegheranno direttamente Rho Fiera con le stazioni milanesi del Passante, mentre per chi viene da Monza, Seregno, Como è consigliabile la linea S11. Fermano nella stazione di Rho Fiera anche tutti i treni delle linee regionali da Arona, Domodossola, Varese e Torino.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il