BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie tribunali, Renzi, Regioni, Parlamento e cambiamenti attuabili per anzianità, usuranti, precoci, vecchiaia

Mentre il governo Renzi continua a valutare le giuste modalità di lavoro sulle pensioni, novità e indicazioni potrebbero arrivare da tribunale e singole regioni: le ultime notizie




Continua a lavorare il governo Renzi sulla questione pensioni e continuano le discussioni sulle possibili modifiche da apportare alla legge attuale anche se le ultime notizie sono poco confortanti e non riportano novità positive e imminenti. Troppi i problemi ancora da superare, dalla mancanza di fondi, nonostante la situazione economica italiana stia lentamente migliorando, alla contrarietà dell’Ue, alla divergenza della politica italiana, esistente sia tra i diversi partiti politici sia all’interno del Pd stesso. Eppure lavorare sulle pensioni potrebbe essere una strategia vincente in vista delle prossime elezioni amministrative e il premier Renzi ne è ben consapevole.

Per questo motivo sono al vaglio diverse strade di intervento: un decreto legge Renzi che prevederene una divisione tra previdenza e assistenza e interventi negativi, su baby pensioni, prensioni di reversibilità, invalidità, cumulo, per recuperare risorse economiche e riportare equità all’interno del sistema previdenziale; una legge parlamentare che, però, richiederebbe tempi lunghissimi e porrebbe il problema delle diverse posizioni dei vari partiti da superare; o una legge delega, per cui il governo lavorerebbe esattamente come già fatto con riforma della P.A. e del Lavoro, e i tempi richiesti sarebbero molto più brevi.

Indicazioni sulle pensioni potrebbero poi arrivare dai tribunali, dov’è ancora in ballo la class action avviata per il contributivo donna, e dalle singole regioni che in attesa di decisioni ufficiali da parte del governo stanno già lavorando in maniera autonome nella definizione di nuove misure previdenziali. Mentre in Friuli Venezia Giulia, Molise e Trento è già stato avviato l’assegno universale che entro l’anno, come annunciato dal governatore Maroni, arriverà anche in Lombardia, in Piemonte il presidente Chiamparino ha proposto un piano di anticipo di uscita per gli over 50 cui mancano pochi anni al raggiungimento della pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il