BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie cosa si è detto e soprattutto non detto in Commissione ieri in Parlamento (AGGIORNAMENTO)

Si è riunita la Commissione Parlamento sulle pensioni. Nessuna novità concreta, anzi l'ennesima delusione.




AGGIORNAMENTO: La Commissione Parlamentare si è riunita ieri per continuare il lavoro sulle pensioni. Di novità concrete non ce ne sono, seppur è interessante come nei due interventi esterni delle associazioni delle imprese e di quello delle cooperative ci si è detti concordi nell'intervenire sulle pensioni e modificare l'attuaole legge per diminuire la disoccupazione soprattutto giovanile. La Commissione è rimasta soprattutto ad ascolate e gli interventi fatti dai politici paretecipanti hanno sottolineato proprio questo aspetto legato al lavoro. Non sono state commentate e non ci sono stati interventi sulle ultime notizie riguarda il nuovo blocco ad interventi che pare ufficiale o al contributivo donna. Sembra che la forza della Commissione, come detto, sia davvero molto bassa.

Dopo il nulla di fatto dell’ultima riunione sulla proroga del contributivo donna, ancora una volta bloccato dai tecnici della Ragioneria di Stato, domani, mercoledì 16 settembre, è in programma una nuova riunione della Commissione Lavoro, forse inutile, considerando le ultime notizie che sembrano confermare che nulla si farà sulle pensioni nel breve periodo.

Non si tratta di una novità, considerando che da settimane si parlava dell’impossibilità di poter intervenire con modifiche pensionistiche al momento, per una serie di problemi ancora da superare, dalla mancanza di risorse economiche, alle divergenze ancora esistenti tra i diversi partiti politici, all’interno del Pd stesso e tra governo e Inps, alla contrarietà Ue che da sempre non è favorevole a interventi sulle pensioni italiane.

La riunione di domani della Commissione potrebbe non avere, ancora una volta, alcun valore e concludersi con l’ennesimo dibattito che rimarrà aperto, rimandando ancora tutto, ormai probabilmente all’anno prossimo, visti gli impegni già in programma del governo fino alla fine dell’anno con le riforme avviate e pronte ad essere definite. La discussione di domani in Commissione Lavoro, oltre che riprendere la proroga del contributivo donna, dovrebbe riprendere anche la questione dello stop alle penalizzazioni per i precoci usciti prima del 2015 con decurtazioni dell'1-2% sull'assegno.

Domani 16 settembre scade il termine di presentazione degli emendamenti che potrebbero rimanere tali e indiscussi ancora per molto e la domanda che sorge spontanea è quando si riuscirà, finalmente e dopo tante riforme avviate, a intervenire anche sulla legge pensionistica attuale che dopo aver creato tanti problemi tanto sta facendo discutere senza arrivare mai alla definizione di soluzione concrete per tutti?

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il