BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie ancora cambio idea Renzi seppur difficile cambiamenti per pensioni vecchiaia, pprecoci, anzianità

Nonostante le ultime notizie negative sulle pensioni, Renzi continua a voler intervenire e tecnici del Tesoro mostrano nuove disponibilità: la situazione attuale e novità




Nonostante le ultime notizie sull’andamento delle discussioni sulle pensioni non siano per niente positive e non lascino intravedere possibilità di mettere in atto novità in breve tempo, il premier Renzi continua a voler lavorare sulle modifiche da attuare all’attuale legge. La strada sarà decisamente lunga e complessa, ma Renzi è ben consapevole che per recuperare quei consensi e quella fiducia persi, nettamente, in questi ultimi mesi, la questione pensioni è una delle armi vincenti.

E vuole sfruttarla. Il problema è, dopo tanti annunci, dichiarazioni, conferme e poi smentite, le promesse fatte finora sono sempre rimaste parole, deludendo tantissimi e se così fosse ancora significherebbe la perdita totale di credibilità nei confronti di un governo che sarebbe a rischio.

Ciò significa che ogni novità che sarà presentata dovrà essere realizzata, seppur minima, seppur bisognerà superare i blocchi già imposti dai tecnici del Tesoro, contrari ad ogni modifica pensionistica. Sono stati gli stessi tecnici del Tesoro a confermare che non ci sarà alcun intervento sulle pensioni nella prossima Manovra Finanziaria eppure Renzi, secondo alcune fonti, punta a recuperare proprio dalle risorse della Manovra un piccolo tesoretto da investire in modifiche pensionistiche.

Considerando, però, che si tratta di risorse limitate, pur riuscendo a recuperarne qualcuna, non basteranno certo per mettere in atto un cambiamento serio e profondo per le pensioni, quindi bisognerà virare verso interventi minimi che, come si dice già da un po’ di tempo, potrebbero contemplare solo la proroga del contributivo donna, soluzione che rappresenterebbe una giustificazione tale da permettere a Renzi di dire che qualcosa sulle pensioni è stato fatto, seppur un minimo, e che si metterebbe in atto per evitare sentenze dei tribunali. Si attende, infatti, quella dopo il via alla class action proprio per la proroga del regime sperimentale di uscita anticipata dal lavoro per le donne lavoratrici.

Sul contributivo donna, sembra che gli stessi tecnici si stiano impegnando e lo stesso viceministro dell’Economia Morando, che ha sempre ribadito che non erano previsti interventi sulle pensioni imminenti dal governo, mostrandosi tra i più affidabili, ha parlato di una soluzione possibile in 3-4 settimane.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il