BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità cosa è realmente previsto e Legge Stabilità bonus ristrutturazione casa, sanità, taglio tasse, detrazioni fisco

Cambia la strategia di lavoro per premier Renzi sulle pensioni e cambia anche quella dei diversi partiti politici nella definizione di novità che dovranno rientrare nella prossima Legge di Stabilità: cosa si prevede?




Pd, Lega, M5S, FIm nonostante abbiano continuato ad avanzare diverse proposte di intervento sulla legge pensioni attuale per rendere più flessibili i requisiti in vigore, tra meccanismi di quota 100, mini pensione, contributivo, staffetta generazionale e nuova legge ibrida Renzi-Boeri, sembrano dover cambiare idee di lavoro considerando la nuova strategia del premier Renzi che, per quanto riguarda le pensioni, dovrebbe puntare esclusivamente all’approvazione di interventi minimi. Spicca la proroga del contributivo donna, dando così, ancora fino al 31 dicembre 2015, la possibilità alle lavoratrici di andare in pensione prima, a 57 anni le statali e a 58 le autonome, con 35 anni di contributi e accettando di percepire un assegno finale ridotto interamente calcolato con metodo contributivo e non più con il vantaggioso retributivo.

Questa unica novità pensioni rappresenta nella strategia di Renzi l’unico compromesso di modifica pensionistica da poter raggiungere, una sorta di contentino a partiti ed elettorato per fargli dire che effettivamente, come più volte da lui stesso annunciato, qualcosa di concreto sulle pensioni è stato fatto, seppur si tratta di una minima modifica e che non riguarda nemmeno tutti, rischiando di compiere lo stesso errore di sempre, cioè privilegiare determinate categorie di lavoratori discriminandone altre. Ma le intenzioni del premier sono rivolte essenzialmente su altri piani, come quello di taglio delle tasse e il nuovo piano a sostegno delle famiglie in difficoltà, che saranno inseriti nella prossima Manovra Finanziaria.
 
La misura che al momento sta suscitando particolare attenzione è l’annunciata abolizione di Imu e Tasi per tutti, misura su cui Renzi punta e rilancia da settimane nonostante il Ministero dell’Economia abbia fatto notare eventuali limiti di questo taglio, spiegando che questa abolizione deve essere controbilanciata da altre voci di spesa da ‘colpire’ da cui recuperare risorse. Insieme alla cancellazione di Imu e Tasi, dal prossimo anno si proseguirà con una serie di tagli graduali di tasse alle imprese, mentre si sta mettendo a punto il nuovo piano famiglia, che dovrebbe contenere assegni per i nidi e aiuti per sostenere la natalità.

Altra misura della nuova Legge di stabilità dovrebbe essere la proroga del bonus mobili e ristrutturazioni edilizie che, anche per il 2016, prevederebbe la spesa massima su cui calcolare la detrazione del 50% pari a 10.000 euro, ma la platea dei beneficiari del nuovo bonus edilizia e mobili potrebbe essere estesa anche a coloro che vivono in affitto. Il piano rilancio del Sud, invece, prevede misure diverse, tra sconti per donne, giovani e over 55 con detrazioni fino a 8.060 euro per ogni nuovo assunto, e nuovi bonus per imprese del Sud con un risparmio fiscale sugli acquisti in macchinari. 

Possibili novità potrebbero riguardare anche un’ennesima revisione del regime dei minimi per i titolari di Partite Iva. Per quanto riguarda poi il comparto sanità, saranno certamente previsti quei tagli già annunciati ma non si andrà oltre, come si è temuto qualche giorno fa e lo stesso ministro della Salute Lorenzin ha spiegato che “Per il 2016 credo che dobbiamo mantenere almeno il fondo previsto dal patto della Salute per il 2015 che nella Legge di stabilità erano 112 miliardi, che poi le regioni hanno deciso di ridursi. Una cifra sotto cui non  si può andare per la sostenibilità e per le sfide che abbiamo in campo”.
 
   

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il