BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Expo 2015: cosa vedere e fare padiglioni e ristoranti consigliati. Come non fare cosa, Prezzi biglietti e sconti. Orari serali

Ci sono ancora circa 40 giorni per visitare il più grande evento mai realizzato sull'alimentazione e la nutrizione: l'Expo 205 di Milano.




C'è tempo fino al 31 ottobre per visitare Expo 2015 di Milano, il più grande evento mai realizzato sull'alimentazione e la nutrizione. In un'area espositiva di 1,1 milioni di metri quadri espongono oltre 140 Paesi e Organizzazioni internazionali. I biglietti di ingresso possono essere acquistare in diversi modi. In prima battuta sul sito ufficiale www.expo2015.org. Quindi sul posto all'ExpoGate di via Beltrami, all'entrata, ma c'è il rischio di code, tramite rivenditori ufficiali ovvero Intesa SanPaolo, Accenture, Fiat, Samsung, Selex Es, Telecom Italia, Enel, Alitalia, Coop, Manpower Group, Trenitalia, Msc Cruises, agenzie e altri servizi.

I costi sono i seguenti: il serale con ingresso dopo le 19 costa 5 euro, quello giornaliero 34 euro con data fissa o 39 euro con data aperta. Chi compra i ticket per due giorni consecutivi paga 57 euro (date fisse) o 67 euro (date aperte). Quanto agli abbonamenti, quelli di due giorni costano 72 euro, quelli di tre 105 euro. Poi c'è il season pass che costa 115 euro. Gli abbonamenti familiari vanno dai 43 euro in su. Sono previste diverse riduzioni di prezzo. Per gli over 65enni, per gli studenti (14-25 anni), per i bambini dai 4 ai 13 anni e per i portatori di disabilità. I piccoli da 0 a 3 anni invece accedono gratis all'area espositiva.

Per quanto riguarda l'organizzazione degli spazio, ci sono le aree tematiche ovvero luoghi e percorsi che illustrano il tema Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita: si trovano agli ingressi e in altri punti chiave del sito; le aree eventi ovvero i luoghi, come l'Open-Air Theatre, che ospitano gli eventi di spettacolo e le iniziative culturali; le aree di servizio in cui sono presenti bar, ristoranti e servizi igienici. Le aree più importanti sono i padiglioni self-built ovvero gli spazi espositivi dei Paesi partecipanti ufficiali; i cluster, che sono stand tematici in cui diversi Paesi che non hanno un padiglione proprio hanno tuttavia uno spazio per approfondire un tema in particolare; gli spazi allestiti da singole aziende che partecipano interpretando il tema di Expo 2015.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il