BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie nuovi piani Renzi e Boeri rispetto Morando, Baretta, Poletti quota 100, mini pensione, staffetta

Nuova strategia di lavoro sulle pensioni tra piani di prepensionamento e posizioni di premier Renzi e tecnici del Tesoro. Cosa cambia?




Quota 100, mini pensione, contributivo, staffetta generazionale e assegno universale sono i piani di intervento sulle pensioni al vaglio del governo Renzi ormai da due anni. Nessuna novità ad oggi in merito nonostante discussioni e dibattiti ma tanti cambi di direzione. Le strategia di lavoro del premier Renzi e, conseguentemente, del presidente dell’Inps Boeri sulle pensioni sono, infatti, mutate nel tempo. Inizialmente il progetto era quello di un intervento a 360 gradi, tra previdenza e welfare, con ricalcolo contributivo e tagli su baby pensioni, pensioni di reversibilità, invalidità, guerra, necessari per recuperare quelle risorse economiche necessarie per altri interventi. Ora però le cose sono cambiate.

Il premier Renzi ha deciso, infatti, di concentrarsi prima su nuovo piano famiglia e piano di taglio delle tasse per imprese e famiglie a partire dalla cancellazione di Imu e Tasi, tanto da far fare un passo indietro anche al presidente dell’Inps Boeri, dopo aver presentato una nuova legge ibrida di uscita anticipata, mix dei meccanismi di quota 100, mini pensione e contributivo, a costo zero per lo Stato.

Ma lo stesso Renzi negli ultimi giorni è tornato a dichiarare che si sta lavorando sulle pensioni, appoggiando il ministro dell’Economia Padoan, secondo cui non si devono toccare i conti pensionistici, così come viceministro Morando e sottosegretario Baretta hanno detto che si potrebbe agire sulle pensioni ma a condizione che le modifiche siano autofinanziate.

L’unica legge che potrebbe essere approvata è la proroga del contributivo donna, ma con requisiti modificati e probabilmente da estendere anche agli uomini, come detto dallo stesso Padoan. Sono, tuttavia, stati presentati nuovi piani da parte del ministro del Lavoro Poletti, come l’eliminazione dello scalino che blocca turn over e staffetta generazionale per rilanciare l’occupazione giovanile, e dal sottosegretario Baretta, che ha proposto la pensione anticipata prima dei 66 anni con penalizzazioni sull’assegno finale a vita.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il