BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nexus 2015, Android 5.1.1, Android 6 oggi presentazione ufficiale Google nuovi cellulari Nexus 5X, Nexus 6 P e aggiornamenti

Il centro delle scene dell'evento Google di martedì sarà occupato dai due nuovi smartphone LG Nexus 5X e Huawei Nexus 6P con Android 6.0 Marshmallow.




Non resta che attendere la conferma della totalità delle voci che vogliono i nuovi LG Nexus 5X e Huawei Nexus 6P sulla via delle presentazione in occasione dell'evento Google di martedì 29 settembre 2015. Il biglietto di invito distribuito dalla società di Moutain View invita infatti a più di una novità: "Join us for some tasty new treats and much s'more" Il primo dei due smartphone della gamma mostrerebbe uno schermo da 5,2 pollici con risoluzione di tipo Full HD, un processore SoC Qualcomm Snapdragon 808 esa-core affiancato dalla GPU Adreno 418 e da 3 GB di RAM. Nella parte posteriore ci sarebbe una fotocamera con sensore da 12,3 megapixel, in quella anteriore una videocamera da 5 megapixel.

E ancora: i tagli di memoria sarebbero da 16 e da 32 GB. In dotazione lettore di impronte digitali, porta USB Type-C e batteria da 2.700 mAh. Il Nexus 5X rappresenterebbe un ritorno al passato nel rapprto tra prezzo al qualità. Da queste parti la versione base potrebbe essere messo a scaffale intorno a 400 euro. Dal Nexus 6P con telaio in alluminio sono attesi un display da 5,7 pollici con risoluzione 2K il processore Snapdragon 810 chip con 3 GB di RAM e forse anche con una release da 128 GB GB di storage, fotocamera da 12 megapixel, videocamera da 8 megapixel, lettore di impronte digitali, due speaker frontali e una porta USB Type-C. I due terminali avranno in comune l'equipaggiamento con Android 6.0 Marshmallow.

I cambiamenti introdotti dal nuovo software iniziano dal launcher: l'organizzazione del menù vede in alto le app utilizzate di recente e a seguire l'elenco completo in ordine alfabetico. Modificata anche la gestione dei widget, ora raggruppati per app di riferimento. Rivista la modalità di gestione audio con la presenza di uno slider del volume. Per quanto riguarda le impostazioni, sono state integrate quelle dei settings per Google. Novità sulle impostazioni delle applicazioni con una informazione sulla batteria utilizzata dall'ultima ricarica completa e la voce Autorizzazione in cui controllare e gestire i permessi delle app.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il