BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità età, contributi, requisiti e regole in base ultime notizie sui piani ancora realmente in discussione

Il governo intende facilitare l'uscita dal lavoro in cambio di penalizzazioni ma la novità sulle pensioni potrebbe essere il contributivo donna.




Occhi puntati sulla manovra finanziaria e sulle novità che potrebbe essere inserite relative alle pensioni. In realtà, leggendo il suo documento di preparazione, è emerso come non ci sia traccia della questione previdenziale. Se qualche cambiamento ci sarà, l'impatto sarà limitato. Il governo intende investire circa un miliardo di euro ovvero una somma non sufficiente per incidere in profondità. Tra le ipotesi che potrebbero andare in porto c'è il contributivo donna ovvero la possibilità da concedere alle lavoratrici con 57 anni e 3 mesi di età e 35 anni di contributi di andare in pensione anticipata rinunciando a una parte dell'assegno previdenziale poiché calcolato con il contributivo.

In discussione c'è anche la staffetta generazionale tra giovani e anziani sia in un'ottica di riduzione del tasso di disoccupazione e sia di rilancio della produttività in Italia. Tuttavia, anche per via dei costi che lo Stato dovrebbe sostenere nel breve periodo, è impensabile che questa strada possa essere percorsa con la manovra finanziaria. Più facile che il dibattito venga incanalato con un disegno di legge delega da mettere nelle mani del parlamento, ma i tempi sarebbero certamente più lunghi. Alla Camera dei deputati c'è chi insiste sull'introduzione dell'assegno universale o misure simili di sostegno al reddito, ma anche in questo caso i tempi non sembrano maturi.

Decisamente da scartare sono l'applicazione di quota 100 o l'estensione del sistema di calcolo contributivo per tutti i lavoratori in attività. Nel primo caso non ci sono le coperture economiche, nel secondo, come spiegato dal Ministero dell'Economia, c'è il rischio di intaccare diritti acquisiti. Tornano periodicamente d'attualità anche le mini pensioni a favore di chi, over 55 senza lavoro, non ha ancora maturato i parametri per il congedo. La novità è rappresentata dal possibile coinvolgimento delle aziende in cambio di agevolazioni fiscali. Il Governo ragiona anche su un pacchetto di interventi per contrastare la povertà, come l'estensione in tutta Italia del Sia, il Sostegno per l'inclusione attiva, ora in vigore in 12 città del Sud.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il