Togliere l'iva dalle bollette elettriche nella parti degli oneri di sistema

“L’iva sulle voci della bolletta elettrica a copertura degli “oneri di sistema” incide per un valore di circa 670 milioni di euro l’anno sulle bollette degli utenti finali: un peso che potrebbe essere tagliato”.



“L’iva sulle voci della bolletta elettrica a copertura degli “oneri di sistema” incide per un valore di circa 670 milioni di euro l’anno sulle bollette degli utenti finali: un peso che potrebbe essere tagliato”. Lo suggerisce l’Autorità per l’energia elettrica nella segnalazione fatta a Governo e Parlamento. Secondo il Garante, Alessandro Ortis, gli oneri di sistema sono “imposti per finalità specifiche e tassativamente definiti da norme primarie, ma il fatto che tali oneri non siano direttamente riconducibili a una prestazione fornita al consumatore finale rende evidente “l’anomalia di assoggettarli all’imposta sul valore aggiunto”.

Gli oneri di sistema sono tutta una serie di voci, costi ed extracosti che gravano sulla tariffa elettrica ma non sono legati ai costi di produzione, trasmissione e distribuzione dell’elettricità. Sono componenti previste per legge e riguardano costi connessi allo smantellamento delle centrali elettronucleari dimesse e alla chiusura del ciclo del combustibile nucleare; costi per attività finalizzate all’innovazione tecnologica di interesse generale per il sistema elettrico; costi per la promozione della produzione di elettricità da fonti rinnovabili ed assimilate (il cip6); condizioni tariffarie favorevoli per forniture di energia elettrica a particolari soggetti (industriali energivori); rimborso dei cosiddetti “stranded cost”, i costi cioè non recuperabili dalle imprese per il passaggio al regime di mercato; copertura delle integrazioni tariffarie alle imprese elettriche isolane e compensazioni ai comuni presso i quali sono presenti depositi di scorie radioattive.

Il presidente Codacons, Carlo Rienzi promuove la segnalazione dell’Autorità, ma invita il Garante “a prestare attenzione anche a quelle voci di bolletta che rappresentano balzelli e sovrattasse inutili e che da decenni vanno ad incrementare la spesa elettrica delle famiglie italiane”.

“Condividiamo la segnalazione dell’Autorità; il Governo inizi a rinunciare a questo prelievo ingiustificato, ogni famiglia risparmierebbe circa 30 euro all’anno”. Questo il commento di Paolo Landi, segretario generale dell’Adiconsum.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci Fonte: pubblicato il