BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Auto Emilia Romagna: blocco piano contro inquinamento da ottobre.Quando, come, per chi, quali città, tipo auto e chi può circolare

Ecco come funziona il blocco della circolazione nei comuni dell'Emilia Romagna superiori ai 50.000 abitanti. Norme già in vigore.




Da giovedì scorso è in vigore il Piano Aria Integrato Regionale (PAIR 2020) dell'Emilia Romagna. Si tratta di una misura di contrasto allo smog che resterà in vigore fino al 31 marzo 2016. Le coordinate seguite sono due: limitazioni del traffico dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 e nelle domeniche ecologiche; possibilità di applicazione di misure di emergenza nel caso di picchi di inquinamento con superamenti del valore limite giornaliero del PM10 per più di una o di due settimane consecutive. I Comuni interessati sono quelli superiori ai 50.000 abitanti ovvero Bologna, Parma, Ferrara, Modena, Piacenza, Reggio Emilia, Cesena, Carpi, Imola, Ravenna, Faenza, Forlì, Rimini.

Più nello specifico, il blocco alla circolazione coinvolte i mezzi diesel fino all'Euro 3, benzina fino all'Euro 1 e ciclomotori fino all'Euro 0. Per i veicoli commerciali leggeri diesel Euro 3, invece, le norme saranno in vigore solo dal primo ottobre del prossimo anno. Previste deroghe per l'accesso ai parcheggi scambiatori, alle strutture ospedaliere e per alcuni veicoli e utenti, come le famiglie con una fascia Isee bassa, i mezzi per l'accompagnamento degli alunni a scuola e quelli che effettuano il car pooling.

Come spiegato dall'assessore regionale alle Politiche ambientali Paola Gazzolo, si tratta di provvedimenti in linea con l'Europa, "frutto di un intenso confronto con enti locali e categorie economiche. In questa linea va ad esempio la sospensione delle domeniche ecologiche per tutto il mese di dicembre. Lo sforzo comune è stato quello di conciliare le esigenze di vita e di lavoro dei cittadini con gli obiettivi imprescindibili di tutela della salute e dell'ambiente". L'intenzione è stata quella di superare la logica emergenziale dei blocchi del giovedì che hanno caratterizzato le precedenti politiche. Conti alla mano, sarà interessato circa il 23% dei veicoli, quelli che inquinano di più.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il