WhatsApp problemi rimangono iPhone e cellulari Android pur con nuovo aggiornamento Ottobre. I miglioramenti e cosa cambia

Novità in vista per WhatsApp, tra cui la risposta rapida dalle notifiche e l'opzione di contrassegnare come importanti i messaggi ricevuti.

WhatsApp problemi rimangono iPhone e cel


Rispondere a un messaggio ricevuto via WhatsApp senza avviare l'app, ma direttamente dalla notifica? A breve tutti gli utenti del popolare software di messaggistica istantanea potranno farlo. Proprio in queste ore è infatti in via di sviluppo la funzionalità della risposta rapida, già presente nella versione beta. L'utilizzo è pressoché scontato ed è lo stesso che regola i messaggi. In pratica, basta spostare verso giù la notifica ricevuta per vedere comparire la tastiera e poter digitare il testo di risposta. Con ogni probabilità, questo servizio aggiuntivo farà la sua comparsa a partire dal prossimo aggiornamento software, disponibile sia per iPhone e iPad e sia per smartphone e tablet equipaggiati con sistema operativo Android.

Un'altra novità che caratterizza l'aggiornamento WhatsApp è l'introduzione dell'opzione messaggi importanti. In buona sostanza, gli utenti possono ora contrassegnare il testo di una conversazione tenendolo premuto, così da poterlo consultare e ritrovarlo in seguito con maggiore facilità. Sarà sufficiente andare nelle info contatto o in quelle gruppo per vederlo catalogato in una sezione ad hoc nei risultati di ricerca. Alla luce della moltiplicazione dei messaggi scambiati e del numero di utenti che utilizza l'app, gli sviluppatori hanno pensato che una modifica di questo tipo potesse risultare utile per migliorare l'esperienza d'uso.

In questi giorni è poi scattato l'allarme della possibilità di modificare i messaggi da parte del mittente senza che il destinatario se ne accorga. A lanciare l'sos è stato l'ingegnere Javier Rubio, secondo cui i testi alterati possono risultare perfettamente autentici e, anche in presenza di una perizia realizzata da un informatico, non se ne accorgerebbe nessuno. Basta un semplice programma scaricato dal web e il gioco è fatto. A suo dire, "la possibilità di cambiare il contenuto di un messaggio così tanto facilmente genera un’insicurezza molto alta nelle comunicazioni tra le persone, non solo in sede di procedimento giudiziario".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il