Prestiti personali, conti correnti, mutui variabili e tasso fisso, cessione del quinto migliori Novembre. Confronto

Ecco alcune delle offerte più interessanti di questo inizio di Novembre 2015 per chi ha bisogno di un prestito personale o deve accendere un mutuo.

Prestiti personali, conti correnti, mutu


Continua a essere in costante movimento il mercato dei prestiti personali anche a Novembre 2015. Tra le soluzioni più interessanti c'è CreditExpress Dynamic di Unicredit, attraverso cui è possibile accedere a importi tra 3.000 e 30.000 euro con Tan fisso 11,90% e piano di ammortamento tra 36 e 84 mesi. La banca consente di fissare un importo arrotondato della rata da mantenere per tutta la durata del prestito. Attraverso Cofidis è possibile richiedere fino a 5.000 euro di prestito e decidere di rimborsare fino a 72 rate mensili. Tan e Taeg sono rispettivamente di 9,98% e 11,11%. Non ci sono spese di apertura pratica, incasso rata, comunicazioni periodiche, ma di imposta di bollo sul contratto (16 euro) e di imposta di bollo su comunicazione annuale (2 euro).

Da prendere in considerazione anche Fidiamo di Fiditalia. Tanto per fare un esempio concreto, nel caso di prestito di 4.000 euro, le spese di istruttoria sono pari a 75 euro, la durata è di 48 mesi, l'importo della rata (non comprensiva di spese incasso rata di 3 euro) ammonta a 101,22 euro, per un totale di 5.031,36 euro con Tan fisso all'8,90% e Taeg al 12,43%. SpecialCash è invece il prestito fino a un massimo di 1.500 euro per i titolari di Postepay. Il rimborso delle rate è mensile e avviene tramite il pagamento di rate fisse addebitate direttamente sul conto corrente postale o bancario; mediante il pagamento di bollettini postali inviati gratuitamente al tuo indirizzo di residenza; tramite il versamento di rate fisse addebitate direttamente sulla Carta Postepay Evolution.

Per cifre maggiori ovvero per chi deve accendere mutui, c'è Mutuo Domus Fisso Piano Base di Intesa Sanpaolo che prevede un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento. Fino allla fine dell'anno l'istituto bancario offre un differenziale sui mutui variabili a partire dall'1,15% e a partire dall'1,75% su quelli fissi, con la possibilità di cambiare dal tasso variabile al fisso. Con Deutsche Bank fino al 31 ottobre 2015 è prevista l'applicazione di uno spread dell'1,50% alle richieste di mutuo a tasso fisso su base Eurirs, oltre che si quelli a tasso variabile su base Euribor 3 mesi per importi entro il 60% del valore di acquisto dell'immobile.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il