BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità legge Boeri-Renzi, assegno universale, riforma professionisti, bonus casa 65%: ultime novità martedì oggi

Il governo è pronto a nuove novità su pensioni e ancora a cambiare il regime dei minimi delle partite IVA e di prorogare l'ecobonus e le detrazioni sulle ristrutturazioni.




La novità per le pensioni sull'assegno universale finanziato dall'Unione europeo andrebbe in contrasto con l'intenzione di separare spesa per assistenza e spesa per pensioni. A oggi martedì 12 ottobre 2015 le ultime novità e ultimissime notizie riferiscono di una situazione incerta.

Pensioni. Ci sarà poco spazio per le pensioni nella prossima manovra finanziaria. Come raccontato dalle ultime notizie, il governo intende investire poche risorse economiche per cambiare la previdenza e le sole misure in agenda sono destinate ad alcune categorie ben precise, come le lavoratrici attraverso il contributivo donna, e o vanno nella direzione del contrasto alla povertà. Se la mancanza di risorse economiche è la ragione che sta frenando l'introduzione delle soluzioni proposte, da quota 100 alle mini pensioni, dal ricalcolo degli assegni con il contributivo alla staffetta generazionale, passando per la legge ibrida Renzi-Boeri, la via d'uscita potrebbe essere il coinvolgimento dell'Europa.

Da queste premesse prende le mosse la proposta del ministro dell'Economia di introdurre un assegno universale per i disoccupati finanziato dall'Unione europea. Se i Paesi del nord stanno iniziando a storcere il muso, non si può fare a meno di ricorda come questo strumento sia applicato nella maggior parte dei Paesi comunitari. Il punto è che una misura di questo tipo andrebbe contro l'intenzione del premier Matteo Renzi e del presidente dell'Inps Tito Boeri di procedere a una netta separazione tra spesa previdenziale e spesa assistenziale. Il percorso è ancora lungo è in ogni caso si tratta di un provvedimento che verrebbe introdotto almeno nel breve periodo.

Riforma professionisti. La questione del regime dei minimi delle partite IVA torna d'attualità dopo il pasticcio dello scorso anno. L'esecutivo è pronto a rivedere i requisiti e le condizioni per l'accesso. La soglia dei ricavi potrebbe essere riportata a 30.000 euro annui e introdotta una tassazione progressiva. Almeno inizialmente potrebbe essere pari al 5% per poi estenderla fino al 15%. Ci sono incertezze in merito alla durata. Lo scorso anno il governo aveva cancellato il tetto dei 5 anni, ma stando alle ultime indiscrezioni, potrebbe reintrodurlo con la prossima manovra finanziaria. Resta da capire il trattamento riservato a chi ha aperto quest'anno una partita IVA con il regime dei minimi.

Bonus 65% casa detrazioni. Il governo ha intenzione di prorogare al 31 dicembre del prossimo anno l'ecobonus e le detrazioni sulle ristrutturazioni. Si tratta delle agevolazioni fiscali che consentono di risparmiare dal 50% al 65% della spesa sostenuta per gli interventi di manutenzione straordinaria e di riqualificazione energetica. Potranno beneficiare non solo i proprietari o i titolari di diritti reali sugli immobili per i quali si effettuano i lavori e che ne sostengono le spese. Hanno infatti diritto alla detrazione anche il proprietario o il nudo proprietario; il titolare di un diritto reale di godimento; l’inquilino o il comodatario; i soci di cooperative divise e indivise; i soci delle società semplici.

Riforma contrattazione collettiva. Continua il botta e risposta tra gli industriali e i sindacalisti sul rinnovo dei contratti dei lavoratori. I primi hanno detto stop ai tavoli sulle revisione delle regole. I secondi insistono a chiedere l'aumento dei salari per i loro assistiti, come strumento per rilanciare produttività e competitività. Il confronto va comunque avanti anche se minato da troppe difficoltà. A questo punto potrebbe essere indispensabile l'intervento del governo a fare da mediatore. Tra le organizzazioni sindacali, si segnala che la Cisl, che non ha partecipato al tavolo tecnico di settembre, considera sbagliata la strada della riforma dei contratti per legge.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il