BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Poste italiane: comprare azioni in Borsa. Consigli, come e quando conviene. Date, scadenze, valori titoli, dividendi, bonus regole

Lunedì a Milano, appuntamento con l'offerta pubblica di Poste Italiane, aperta anche ai piccoli risparmiatori; con un esborso di 7 euro, la società offre un dividend yeld del 5% ad azione.




Lunedì 12 ottobre Poste Italiane diventa ufficialmente una società privata, e celebra la sua trasformazione entrando in Borsa.

Il Ministero del Tesoro ha da poco reso pubblica la forchetta di prezzo che va da un minimo di 6 ad un massimo di 7,5 per azione; la fetta più grande, pari al 70%, verrà offerta agli investitori istituzionali, mentre il 30% è riservato agli operatori del retail.

Nelle prossime due settimane precedenti al 27 ottobre, giorno in cui inizieranno le negoziazioni, lo Stato prevede di vendere ben 498 milioni di azioni: ovvero il 38,2% del capitale (inclusi i bonus e la greeshoe per la stabilizzazione delle quotazioni), la cui valorizzazione dipenderà interamente da come si comporterà il titolo nei primi giorni di contrattazione; al momento la stima oscilla intorno ad un minimo di 7,8 miliardi e ad un massimo di 9,7 miliardi.

La società di Francesco Caio ha pensato anche ai dipendenti, ai quali verranno riservate 14,9 milioni di azioni: due lotti da 50 è il minimo garantito per partecipare all'offerta; i dipendenti potranno richiedere un anticipo sul proprio TFR, ma solo entro mercoledì 21 ottobre al massimo, giorno in cui terminerà l'accettazione delle adesioni interne. L'offerta pubblica è però aperta anche ai piccoli risparmiatori, ai quali è richiesta un'attribuzione di un lotto minimo di 500; ciò significa che per partecipare, bisognerà presentare domanda di adesione per 500 azioni ed i suoi multipli, per un esborso base di 3mila e fino ad un massimo di 3.750.

Succulento il bonus share offerto: Poste Italiane garantisce 1 azione gratis ogni 20, ovvero il 5% di dividend yeld per azione (che sale al 10% per i dipendenti) come una sorta di premio fedeltà, per gli investitori che manterranno le azioni dell'azienda per 12 mesi, senza soluzione di continuità, a partire dalla data di pagamento di martedì 27.
Per quanto riguarda i dividenti ai grandi investitori, sabato scorso la società ha reso pubblica l'intenzione di garantire un pay-out dell'80%, sia per l'anno 2015 che 2016, ciò significa che per il suo utile netto, Poste Italiane prevede di non superare i 600 milioni, il che determina una ridistribuzione di 450 milioni di entrate, valutabile in un dividendo pari a 0,35 euro per azione.

L'incontro - verrà trasmesso in diretta gratis streaming live con il commento in italiano su Sky e Mediaset Premium, che offrono gratis la visione delle partite in streaming tramite i servizi Sky Go e Premium Play, che danno la possibilità di vedere le partite live su cellulari e tablet Android, oltre che su iPhone e iPad.
. Anche Tim dà la possibilità di vedere in diretta le partite della propria squadra del cuore su tablet e cellulare, a 29 Euro a stagione per i clienti.
Dal 2014 è disponibile anche SkyGoOnline che permette di acquistare le partite, compresa - con la qualità della tv di Murdoch ai non abbonati. Il costo di ciascun incontro, salvo promozioni, è di 9.90 Euro, anche se spesso è possibile usufruire di offerte promozionali interessanti.
Oltre alle possibilità indicate in precedenza, diverse emittenti straniere che avendo ottenuto i diritti tv per il Campionato di Calcio italiano trasmettono in streaming online sui propri siti web.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il