BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa detrazioni 65%, bonus mobili, elettrodomestici ufficiali 2016: per chi, quando e come. Regole ufficiali

Via libera alla proroga delle detrazioni edilizie per tutto il 2016, compreso ampliamento dei soggetti interessati, nella nuova Manovra Finanziaria: novità e regole




Via libera alla proroga delle detrazioni edilizie per tutto il 2016, compreso l’allargamento della platea degli interessati, nella nuova Manovra Finanziaria. Anche per l’anno prossimo, dunque, saranno valide le detrazioni Irpef al 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), per l’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione, e le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, nella misura del 65%, ricomprendendo tra gli interventi agevolati anche l’acquisto e la posa in opera di schermature solari, nel limite di 60.000 euro, e gli impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nel limite di 30.000 euro.

Per richiedere e ottenere il bonus, chi esegue i lavori dovrà sempre conservare ogni prova di pagamento dei lavori effettuati, da bonifici, a ricevute, scontrini, ecc. Le novità del 2016 riguardano, inoltre, da una parte, l’estensione del bonus mobili anche alle giovani coppie in affitto, dall’altra l’estensione dell’ecobonus ai condomini e alle imprese con l’aggiunta di una strumentazione di certificazione energetica che permetterebbe alle imprese di anticipare risorse e progetti per gli interventi di riqualificazione e ai condomini di pagare gli investimenti in bolletta energetica. Se nel caso di edifici privati le opere di manutenzione ordinaria risultano escluse dall'agevolazione, nel caso di quelli condominiali sono agevolabili se realizzate sulle parti comuni.

Per esempio, interventi di tinteggiatura delle pareti o la sostituzione delle piastrelle da soli, senza cioè effettuare opere edilizie più importanti, rientrano nei lavori di manutenzione ordinaria e se eseguiti in singole abitazioni non permettono di fruire della detrazione Irpef al 50% per la ristrutturazione edilizia. L’agevolazione, invece, vale se la manutenzione ordinaria viene eseguita ad esempio nelle guardiole, nell’appartamento del portiere oppure nella sala adibita a riunioni condominiali (tutte parti comuni) che rientrano nel beneficio del bonus.  

Gli interventi soggetti all’agevolazione sono quelli di manutenzione straordinaria, ristrutturazione edilizia, restauro e risanamento conservativo. Per quanto riguarda le modalità di pagamento, i bonifici devono recare il codice fiscale dell’amministratore del condominio o di uno qualunque dei condomini che provvede al pagamento, nonché il codice fiscale del condominio. Le detrazioni edilizia nel 2016 sono estese anche ai lavori di ristrutturazione o efficientamento energetico sui capannoni delle imprese italiane.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il