BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni novità mini pensioni, quota 100, contributivo brevissimo e medio periodo, riforma tassazione, Tfa: ultime oggi domenica

Tutti i partiti appaiono concordi sulle novità nel brevissimo da apportare soprattutto le più concrete. Nel medio termine soluzioni differenti ma c'è convergenza sostanziale




AGGIORNAMENTO: Le novità sul brevissimo e medio-lungo periodo sembra anche oggi domenica 18 Ottobre avere l'appoggio di praticamente tutti i partiti, come si diceva, con la minoranza Pd pronta anche a non votare gli attuali piani previsti. Stando alle ultimissime notizie giunte, sempre la minoranza capisce che solo nel medio termine si potrà avere forme più sostanziali per uscire prima, ma chiede certezze sui tempi e nei modi e soluzioni entro questi due mesi già nel testo attuale per le semplificazioni e le correzioni dette su staffetta ibrida e contributivo donna. Si sottolinea anche l'importanza della detassazione fino a 8mila euro che, comunque, interessa ben 4,1 milioni di persone secondo le stime pur non essendo così forte come si prevedeva.

AGGIORNAMENTO: I tre provvedimenti presi non sono affatto sicuri e certi sulle novità delle pensioni e così oggi domenica 18 ottobre i vari schiaramenti e forze sociali si muovono per cercare di cambiarli e migliorarli, ma anche di fare molto di più.
Nel breve si devono garantire i fondi, e poiù fondi per la staffetta ibrida con una normativa subito efficace, senza, ad esempio, il consenso dell'azienda.  D'altro le coperture per contributivo donna e la cancellazione delle tasse devono essere certe. Poi, sempre nel breve una semplificazione del calcolo dei contributi con la sistemazione del ricongiuamento e del cumulo. Nel medio-lungo termine si punta, invece, ad un dl che incorpori una serie di normative tra cui l'assegno universale e quota 100 e mini pensioni probabilmente collegate tra loro con la cosidetta Legge Renzi-Boeri.

Le novità sulle pensioni introdotte con la manovra finanziaria non sono a oggi venerdì 16 ottobre 2015 ritenute sufficienti per una vera svolta.

Pensioni. Non c'è alcuna flessibilità nei cambiamenti sulle pensioni che il governo ha introdotto con la manovra finanziaria. La norma principale, il part time per i lavoratori a cui mancano 3 anni al congedo, è finalizzata all'accompagnamento al cosiddetto pensionamento in maniera attiva. Se le ore di occupazioni saranno dimezzate, lo stipendio sarà ridotto al 65% con il versamento di tutti i contributi, a carico dello Stato, per cui non ci saranno riduzione nell'importo finale dell'assegno. L'esecutivo ha poi dati il via libera all'estensione del contributivo donna, alla settima operazione di salvaguardia e all'aumento della no tax area.

Al netto delle coperture economiche, la commissione Lavoro a Montecitorio potrebbe chiedere una legge delega per vincolare il governo sui tempi nel raggiungimento degli obiettivi stabiliti. Difficilmente, però, ci sarà spazio per il ricalcolo dell'assegno per tutti i lavoratori in attività con il metodo contributivo in cambio dell'uscita con qualche anno di anticipo, le mini pensioni per consentire agli over 55 senza lavoro di accedere al trattamento previdenziale con un aiuto economico da restituire senza interessi e in piccole rate al raggiungimento dei requisti previsti, il ritiro a 62 anni di età con 35 anni di contributi versati con penalizzazione massima dell'8%, l'applicazione di quota 100 come somma di età anagrafica e anni di contribuzione da raggiungere per andare in pensione.

Riforma multe Equitalia. Cambiano i termini di riscossione di Equitalia per l'accertamento esecutivo. Il ricorso contro una cartella di pagamento non comporta la sospensione in automatico che va richiesta al giudice. Se concessa è comunque bloccata fino alla sentenza. Per i tributi erariali può essere richiesta anche all'Agenzia delle Entrate.

Tfa, concorso scuola. Entro il primo dicembre 2015 sarà pubblicato il nuovo concorso scuola e, a ruota, il bando di accesso al test di ingresso per il nuovo TFA. Tra le novità ci sono la partecipazione ai soli abilitati all'insegnamento e forse la cancellazione del 40% dei posti riservati ai precari che hanno svolto almeno 36 mesi di servizio.

Riforma fisco. Tra le novità nella legge di stabilità, si segnala che il Preu, il prelievo unico erariale sulle slot machine, sarà aumentato di due punti, quello sulle videolotterie di 0,5 punti. Una misura che non sostituirà, ma si andrà ad aggiungere, alla contestata tassa di filiera da 500 milioni introdotta lo scorso anno. Saranno messi poi a gara 15.000 agenzie scommesse al prezzo di 30.000 euro l'una e 7.500 corner al prezzo di 15.000 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il